gianfranco de laurentiis

È morto all’età di 81 anni lo storico volto della Rai e del giornalismo sportivo, Gianfranco De Laurentiis. Classe 1939, il giornalista ma anche conduttore televisivo è scomparso per cause che non sono state rese note.

Morto Gianfranco De Laurentiis: il volto di Eurogol, Dribbling e de La Domenica Sportiva

Era il 1972 quando per la prima volta Gianfranco De Laurentiis muoveva i suoi primi passi in quel di Viale Mazzini, incaricato dalla Rai di dar vita a nuovi progetti sportivi, il suo settore prediletto dopo aver trascorso anni nella redazione de Il Corriere della Sera occupandosi principalmente di costume, spettacolo e società.

Il connubio De Laurentiis – sport divenne presto solido, consacrato dal successo riscosso. Sull’onda dei traguardi raggiunti, dal 1977 al 1994 è proprio De Laurentiis il volto di Eurogol, la rubrica pensata dal Tg2 impegnata a seguire le coppe europee.

Gli anni di Pole Position

Nel 1987 De Laurentiis approda dietro il bancone di Domenica Sprint, programma sportivo di punta degli anni ’90 e attorno a lui gravitano personalità note nel mondo dello spettacolo come la stessa Antonella Clerici, allora giovanissima.

Tra il 1994 e il 1995 invece, sempre De Laurentiis diventa il volto de La Domenica Sportiva. Negli anni 2000 il suo ruolo diventa decisivo in ambito di Formula 1 e fino al 2001 ad impegnare le sue giornate c’è la conduzione di Pole Position, programma che tutti si ricorderanno nella fascia oraria immediatamente prima e immediatamente dopo ogni Gran Premio di Formula 1.

Il volto non solo della Rai ma anche dello sport a livello nazionale si è spento oggi all’età di 81 a Roma, dove viveva insieme alla moglie ai figli, Roberto e Paolo.

Numerosi i messaggi di cordoglio che piangono la scomparsa di una delle voci storiche dello sport, ricordato oggi per la sua eleganza e per le sue spiccate competenze.

Il cordoglio di amici e colleghi sui social

Tra chi oggi ricorda il celebre giornalista scomparso c’è anche l’amico Riccardo Cucchi, anche lui giornalista ed ex radiocronista sportivo italiano: “Un signore del microfono. Un giornalista del servizio pubblico capace di una narrazione puntuale, onesta, sobria, elegante – scrive Cucchi su Twitter – Un modello, un maestro.

Un giornalismo che mi manca. Da collega e da telespettatore. Addio a Gianfranco De Laurentiis“. “Gianfranco De Laurentiis, lo sport in giacca e cravatta. I maestri della nostra Rai“, sono le parole che gli dedica in questa giornata di lutto il giornalista Andrea Vianello.

morto gianfranco de laurentiis, i messaggi sui social dei colleghi
Da Crosetti ad Antinelli, i colleghi ricordano sui social Gianfranco De Laurentiis. Fonte: Twitter

L’educazione, la gentilezza, la competenza, il giornalismo di Gianfranco De Laurentiis – scrive, sempre su Twitter, il giornalista Maurizio CrosettiNon era meglio perché è passato, era meglio perché era meglio“. “Il mio primo maestro in Rai è stato Gianfranco De Laurentiisscrive Alessandro Antinelli, giornalista e telecronista sportivoOgni sabato mattina aspettavo il suo giudizio e le sue legnate mentre vedeva i miei pezzi di Dribbling con la sigaretta all’angolo della bocca.

Mancherai Gianfranco“.