primo piano gianni sperti

Gianni Sperti ha fatto chiarezza sul presunto coming out, dedotto dai follower di Instagram qualche giorno fa. L’opinionista fa chiarezza sulle parole che ha pronunciato in seguito allo scontro verbale con Aurora, e spiega meglio quel “maschile” usato sui social.

Tuttavia, dopo aver dichiarato che la parola sottintesa era “amori” e non “uomini”, il volto di Uomini e Donne si domanda: “Non capisco perché l’outing faccia tanto rumore“. Una domanda che il ballerino si pone da tempo.

Gianni Sperti e lo sfogo su IG

L’equivoco, come spesso accade, è sorto sui social.

Gianni Sperti ha scelto ancora una volta la piattaforma Instagram per dare sfogo alle sue ragioni dopo un’accesa discussione con Aurora avvenuta nello studio di Uomini & Donne.

Le sue parole sibilline, però, hanno scatenato il commento dei follower, che le hanno interpretate come un vero e proprio coming out dell’opinionista.

Le parole che confondono

A finire sotto la lente dei follower è stata una frase di Gianni Sperti in particolare. “Si è permessa di dirmi -ha dichiarato Sperti riferendosi ad Aurora- ‘non sono come te che ti batte il cuore ogni cinque minuti’”.

Poi Gianni ha proseguito indignato: “come se io fossi uno che ne passa… tanti ogni cinque minuti. Quindi è un’offesa molto pesante“.

Inutile sottolineare che il grande pubblico si è lasciato confondere dalla parola “tanti”, che al maschile ha subito fatto pensare a tanti uomini.

Gianni Sperti chiarisce

L’indiscrezione sul presunto coming out dell’opinionista e ballerino ha spinto lo stesso Gianni Sperti a tornare sull’argomento qualche giorno fa. Così il noto volto di Uomini & Donne che ha sempre preso le distanze da ogni etichetta, ha rotto il silenzio interpellato da TrashItaliano.

Gianni Sperti commenta il presunto outing

A seguito del malinteso Gianni Sperti ha dichiarato: “In quel momento in puntata mi sono fermato per non dire una parolaccia. Ogni tanto mi contengo. ‘Come se ne passassi tanti’ era riferito agli amori in generale“. Poi ha aggiunto parlando dell’outing: “Comunque, ribadisco, non capisco perché l’outing in generale faccia tutto questo rumore mediatico, ancora oggi, nel 2020 e perché il gay deve dichiarare di essere gay e all’etero non viene chiesto. Appare ancor di più una discriminazione.

Poi, se viene fatto spontaneamente, per sentirsi meglio con sé stessi, ben venga. Io rispetto le persone per quello che sono senza chiedermi con chi vanno a letto“.