roby facchinetti primo piano

Ospite di Serena Bortone nel programma di Rai1 Oggi è un altro giorno, Roby Facchinetti ha raccontato 50 anni di carriera, compresa l’ultima avventura che lo vede nei panni del romanziere. Eppure, in questa vita piena di impegni e riconoscimenti, la soddisfazione più grande rimane quella di essere riuscito a costruire una famiglia unita: “Ho cinque figli e sei nipoti – ha dichiarato – è una famiglia molto bella e importante e devo dire che sono fortunatissimo anche per questo”.

La carriera nei Pooh

Le fortune di Roby Facchinetti sono partite da lontano, se si pensa a quel ragazzo che, nel 1966, entrò a far parte di un gruppo ancora poco conosciuto, i Pooh: “Verso marzo o aprile del ‘66 loro erano appena nati come band e mi chiesero se volessi entrare nei Pooh – ricorda oggi Facchinetti – Io ho capito che si trattava del famoso treno che passa una volta nella vita e dissi chiaramente di sì”.

Di quella decisione fu davvero difficile pentirsi, dato che portò a decenni di grandi successi e a più di 100 milioni di dischi venduti.

La famiglia allargata

L’equilibrio nella vita personale è arrivato anche grazie alla figura della moglie, Giovanna Lorenzi, a cui il cantautore dedica parole molto dolci, non senza un filo di commozione: “Stiamo insieme da 34 anni, tanto tempo, ma questo per merito suo, perché è una donna veramente straordinaria. Ha avuto tanta comprensione, perché vivere accanto ad un musicista non è assolutamente facile”.

Il segreto di questa lunga convivenza risiede nell’aver creato un’atmosfera positiva, in una famiglia allargata della quale tutti si sentono partecipi: “Quello è il mio più grande successo, perché la famiglia allargata con cinque figli di tre madri diverse non è assolutamente semplice: ho lavorato e ho fatto sì che si sentissero comunque fratelli”.

Una nuova carriera da romanziere?

I mesi recenti sono stati ricchi di sfide per Roby Facchinetti, a cominciare dalla stesura del suo primo romanzo, Katy per sempre. Il titolo rievoca quello della celebre canzone dei Pooh, Piccola Katy, e racconta la vita di una giovane ragazza e del suo amore per la musica. A questa veste inedita di scrittore, Facchinetti ha alternato l’impegno per la sua città, colpita dalla fase più acuta dell’emergenza coronavirus.

Il successo di Rinascerò rinascerai, la canzone dedicata proprio a Bergamo, nasce dall’immagine tutt’ora indelebile degli autocarri dell’esercito carichi di bare: “È stato il momento più doloroso per tutti, quando abbiamo visto la fotografia di quei carri fu veramente devastante”.

Approfondisci

Da Francesco ad Alessandra: i figli d’arte di Roby Facchinetti

Roby Facchinetti in lacrime racconta il suo dramma: “Ho perso 7 persone”

Coronavirus, a Domenica In Roby Facchinetti piange per la sua Bergamo