marta flavi e maurizio costanzo

Marta Flavi, Maurizio Costanzo e Maria De Filippi. Sono passati molti anni dalla fine della relazione con la Flavi e dall’inizio di quella con la conduttrice Mediaset. Maria De Filippi ne ha parlato di nuovo nei giorni scorsi nel salotto di Mara Venier a Domenica In. Ora la Flavi torna sull’argomento con una dichiarazione secca in cui chiarisce di non portare più rancore, ma che anzi, alla fine, si può dire persino grata alla De Filippi.

Marta Flavi sul tradimento e il ruolo della De Filippi

Intervistata dal settimanale Nuovo, Marta Flavi ha risposto a una domanda proprio sulla vecchia storia che la “lega” a Maria De Filippi.

Il tradimento con la De Filippi? Ora ringrazio. All’inizio ha fatto uno strano effetto“, ricorda, “Lui per me era come un padre, ma con il tempo avevo capito che non poteva funzionare, davanti al tradimento lo cacciai di casaPoi continua: “Sentivo che c’era un’altra ma non avrei mai pensato a lei”. Da quei giorni ormai sono passati anni e alla fine ha superato quei momenti, anzi, le cose sono diametralmente cambiate: “Ora ringrazio Maria per avermelo portato via“.

Maria De Filippi e Maurizio Costanzo

Da Mara Venier, Maria De Filippi ha raccontato gli inizi della sua carriera e l’amore per Costanzo: “Io stavo molto bene a casa, vivevo benissimo a Pavia. Lavoravo a Milano all’epoca quando arrivò la proposta di Roma: papà era contrario, mia madre invece decise di mandarmici a calci nel sedere“.

Poi arriva Maurizio Costanzo: “Poi vado a Venezia e lì incontro Maurizio al Festival del Cinema di Venezia. Passati dieci giorni mi chiamò chiedendomi se avessi voluto lavorare per lui a Roma“.

Come è ben noto, il giornalista non conquistò subito il cuore della regina di Mediaset: “All’inizio non avevo questa simpatia, faceva domande scomode. A Venezia mi mise in imbarazzo, mi sedetti davanti a lui e mi disse se potevo spostarmi. Poi pian piano ho iniziato a conoscerlo. Ma ci sono rimasta male, mi sono spostata e pensai ‘Questo è pazzo’. Per me era un mondo sconosciuto all’epoca“.