Raffaele Sollecito, assolto per il delitto di Meredith Kercher

Il prossimo 1 novembre saranno passati esattamente 13 anni dalla tragica notte che è costata la vita a Meredith Kercher, giovane studentessa uccisa a Perugia. Il suo caso è stato al centro delle cronache per molti anni, e così i suoi due principali protagonisti: Raffaele Sollecito e Amanda Knox. Ancor più che l’effettivo condannato per omicidio, Rudy Guede, la coppia ha faticato a riprendersi anche dopo l’assoluzione.

L’accusa di Raffaele Sollecito a Mattino Cinque

Nel corso delle ultime settimane, il grido d’accusa di Raffaele Sollecito è stato ascoltato in varie trasmissioni televisive, in ultimo quest’oggi a Mattino Cinque.

Anche in questa occasione, Sollecito ha confessato l’enorme debito contratto per la sua difesa e il risarcimento negato dallo stato. Circa 1 milione e 200 mila euro di spese: “Molte sono state pagate dalle proprietà di mia madre che non c’è più. È riprovevole e mi fa male che per una cosa che non ho fatto debba affrontare le spesa” ha dichiarato.

Assolto in Cassazione dopo aver trascorso 4 anni in carcere per la morte di Meredith Kercher, Sollecito una volta libero ha affrontato molte difficoltà: “Un’azienda mi ha detto che non avrebbe saputo come gestire il mio clamore mediatico e l’associazione tra me e loro; un’altra dopo pochi giorni mi ha proposto dei soldi per firmare le dimissioni volontarie“.

Raffaele Sollecito: “Lo Stato mi ha abbandonato

Parla apertamente di ingiustizia, Raffaele Sollecito, che ancora oggi fatica a togliersi di dosso l’etichetta di Mostro nel Delitto di Perugia: “Lo Stato mi ha abbandonato, vorrei tornare ad una vita normale, però dall’altra parte dopo l’assoluzione i media mi avevano già descritto come un mostro sanguinario, una mente fredda e calcolatrice“.

A farlo sbottare è soprattutto la situazione, abbastanza surreale, in cui un assolto per omicidio si ritrovi sommerso da debiti: “Quando ho fatto richiesta di risarcimento mi hanno rimandato alla corte che mi ha condannato per ultima, e mi hanno risposto che avrei deviato le indagini, che me la sono andata a cercare con le mie dichiarazioni“.

Tuttavia, nel corso delle indagini ci sono state criticità molto evidenti: “Il magistrato ha avuto una censura del CSM perchè non mi ha fatto parlare con un avvocato.

Le mie dichiarazioni sono state ritenute inammissibili, illegali per come sono state raccolte“.

Morto anche il padre di Meredith Kercher: scopri di più

Le parole di Sollecito su Rudy Guede

Durante l’intervista con Federica Panicucci, Sollecito è intervenuto anche per sottolineare un punto riguardante Rudy Guede: “È stato condannato come unica persona, non in concorso. Il 110 è l’articolo del concorso, l’accusa ha messo nel calderone tutti quanti all’inizio, anche Patrick Lumumba ma aveva un alibi molto forte“. Dietro la morte di Meredith, quindi, c’è un solo uomo: “È stata la Cassazione a condannare Guede come unico responsabile.

Ha scritto che se ci fossero concorrenti sarebbero da individuare nell’altro processo, il nostro. Eventualmente non vuol dire che ci fosse qualcuno“.

Approfondisci

Raffaele Sollecito: la nuova fidanzata svela come si sono incontrati

Amanda Knox torna in Italia, Sollecito: “Siamo vittime”