Meredith Kercher

Un altro dramma si abbatte sulla famiglia di Meredith Kercher: morto il padre della studentessa uccisa a Perugia nel 2007. Secondo fonti di stampa inglesi, nel gennaio scorso sarebbe stato trovato in strada con diverse ferite, all’esito di quello che per la polizia potrebbe essere uno scippo. Il caso sarebbe al momento ancora tutto da chiarire.

Meredith Kercher: morto il padre della studentessa uccisa

John Kercher, padre di Meredith Kercher, è morto nelle scorse ore. Lo rivela il Sun, secondo cui avrebbe subito uno scippo nel gennaio scorso finendo per essere trovato in strada con diverse ferite.

Il decesso sarebbe avvenuto in ospedale, e l‘episodio sui cui ora è aperta un’indagine sarebbe avvenuto vicino alla sua abitazione di Croydon, periferia di Londra.

Fonti di polizia avrebbero riferito dell’ipotesi di un’azione violenta e si starebbe lavorando per accertare i contorni di una presunta rapina. In seguito al fatto – secondo gli inquirenti sarebbe stato trascinato sull’asfalto riportando diverse lesioni – il 77enne non avrebbe ricordato l’accaduto.

La lunga odissea per la verità

John Kercher e la sua famiglia si sono sempre battuti per arrivare alla verità sulla morte della figlia, Meredith, per il cui omicidio c’è un unico condannato in via definitiva: Rudy Guede.

Per anni, il padre di Meredith Kercher ha seguito l’evoluzione dell’odissea giudiziaria maturata intorno al caso e culminata nell’assoluzione di Raffaele Sollecito e Amanda Knox, coinquilina della studentessa uccisa.

Costituitisi parte civile nei vari processi per il delitto di Perugia, i genitori della ragazza e la sorella erano presenti in Italia in occasione delle sentenze emesse nei vari gradi di giudizio.

Lo spettro di un altro giallo, dunque, sembra irrobustirsi tra le righe di lanci di agenzia e prime pagine dei media internazionali: la morte di John Kercher è davvero legata a un fatto violento?

Chi sarebbero i responsabili? Su questi interrogativi interverranno le indagini di Scotland Yard. Al momento, la sola certezza sul tavolo degli inquirenti sarebbe una: l’esatta causa delle lesioni riportate non è ancora emersa.

Ansa riporta le parole del detective Steve Andrews: “Non siamo ancora riusciti a stabilire in modo definitivo come si sia procurato le ferite, incluse le fratture a un braccio e a una gamba“.

Appronfondisci

Omicidio Meredith: niente revisione per Rudy Guede

Raffaele Sollecito anni dopo l’assoluzione: “Ero l’unico triste”

Amanda Knox, il ritorno in Italia e le parole di Sollecito