Nuovi guai per i fratelli Marco e Gabriele Bianchi, ora accusati per reati di droga: a quanto pare la procura di Velletri indagava sui due fratelli da un paio d’anni.

I fratelli Bianchi attualmente si trovano in carcere con l’accusa di omicidio del 21enne Willy Monteiro Duarte.

I fratelli Bianchi non sarebbero i soli ad essere raggiunti da nuove accuse per reati di droga: sarebbe un gruppo di 6 quello accusato di “occuparsi” di gestire in maniera violenta i mancati pagamenti di clienti “insolventi” nel contesto di spaccio che si estendeva tra i comuni di Artena, Velletri, Lariano ed altri limitrofi.

Il loro sarebbe stato un “lavoro” ben pagato e che avrebbe effettivamente permesso loro di avere in cambio quantitativi di denaro che potrebbero, a questo punto giustificare la vita tra lussi e agiatezze che i Bianchi mostravano sui loro profili social.

Ai due fratelli il provvedimento a loro carico è stato notificato in carcere.

Gli altri 4 accusati sono stati invece arrestati in quanto raggiunti da provvedimento disciplinare mentre si trovavano a casa loro.

L’omicidio Willy

I Bianchi si trovano in carcere dal 6 settembre scorso: su entrambi grava la pesante accusa di omicidio ai danni di Willy, a seguito di un litigio nato tra amici del 19enne e due amici dei Bianchi, Francesco Belleggia e Mario Pincarelli.

La forza fisica dei Bianchi, aumentata dal loro essere esperti di arti marziali, e dall’assoluta ferocia dei colpi, avrebbe causato la morte del giovane.

Sulla dinamica del pestaggio vi sono versioni differenti: i Bianchi ammettono di averne preso parte ma non di aver colpito il ragazzo in maniera letale.

Approfondisci:

Nuovo Dl sicurezza, stretta sulle risse: inserita la “norma Willy”

Omicidio Willy, la toccante lettera della sorella: “Non ti vedrò realizzare i tuoi sogni”

Omicidio Willy, i fratelli Bianchi cambiano versione e incolpano un’altra persona