carabinieri

Il 48enne, protagonista di questo nuovo fatto di cronaca, era già noto alle autorità e risulta essere già iscritto nella lista degli indagati in un procedimento avviato dalla Procura di Roma per fatti analoghi: finti casting per attirare a sé giovani ragazze che sarebbero state poi abusate.

I finti casting: la trappola per aspiranti attrici

Secondo quanto raccolto sinora dagli inquirenti, il 48enne avrebbe agito servendosi di un modus operandi ben definito, quasi studiato. Finti casting per film di produzione italiana per poter attirare nella sede dell’agenzia giovani ragazze aspiranti attrici.

Così sembra agisse il 48enne, smascherato da una prima denuncia arrivata l’11 luglio scorso da parte di una delle attrici che lo ha accusato di violenza sessuale.

Abusi durante i finti casting: arrestato un 48enne

La ragazza, poco più che maggiorenne, aveva denunciato il 48enne spiegando nei dettagli tutto l’iter alle spalle: l’iscrizione ai casting, la telefonata per il provino nella sede dell’agenzia con il 48enne, che si presentava come presunto “responsabile dei casting” per quello che doveva essere un film di produzione italiana, La forza dell’Amore.

E proprio nella sede invece la ragazza avrebbe subito abusi da parte del 48enne.

La ragazza non sarebbe stata l’unica a finire nella trappola dell’uomo: le indagini in corso hanno già permesso di individuare già altre 3 vittime, altre 3 aspiranti attrici che avrebbero subito le stesse violenze da parte del 48enne. Il 48enne, già noto in passato per precedenti quali truffa, appropriazione indebita, documenti falsi e violenze sessuali, è stato identificato e arrestato dai poliziotti della 4° sezione della Squadra Mobile della questura di Milano: nei suoi confronti è stata emessa un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Approfondisci

Caso Genovese, atroce racconto su una ragazza a Ibiza: “Camminava a gambe divaricate”

Imola, drogava e molestava le amiche della figlia durante i pigiama party: condannato

Novara: denunciato un professore di liceo, molestava le studentesse