Pierre Cardin

Le ultime battute del 2020 sono segnate da un altro lutto nel mondo della moda: morto Pierre Cardin, stilista dalla carriera straordinaria. La notizia arriva dopo quella della scomparsa di Giorgio Gucci, nipote del fondatore della celebre maison fiorentina.

Addio a Pierre Cardin, lo stilista morto a 98 anni

Lacrime e ricordi intorno alla figura imponente di Pierre Cardin, stilista morto all’età di 98 anni a Parigi, dopo decenni di percorso straordinario nel mondo della moda.

La morte del celebre couturier è avvenuta nella giornata di ieri, 29 dicembre, e ha colpito profondamente il settore.

Nel settembre scorso, Cardin aveva festeggiato i suoi 70 anni di carriera e lascia una importante eredità in termini di stile e progetti.

La biografia di Pierre Cardin tra Italia e Francia

Pierre Cardin, naturalizzato francese, è nato a Sant’Andrea di Barbarana, frazione del comune di San Biagio di Callalta, in provincia di Treviso, il 2 luglio 1922.

La sua vita è incorniciata dall’amore per l’Italia e la Francia, Paese in cui è cresciuto e dove ha firmato l’avvio di una carriera straordinaria nel firmamento della moda che conta.

All’anagrafe Pietro Costante Cardin, è cresciuto in una famiglia facoltosa poi caduta in miseria dopo la prima guerra mondiale, e la sua scalata al successo rappresenta quasi un racconto da film. Nel 1936 l’inizio del suo apprendistato presso un sarto di Saint- Étienne, poi l’arrivo a Parigi e la conquista di un posto come primo sarto nella maison Dior.

La nascita della sua casa di moda risale al 1950, la vera alba di un viaggio di sola andata verso la celebrità e la fama su scala internazionale.

Da figlio di immigrati italiani a talento visionario e stella di punta nella galassia del prêt-à-porter, Pierre Cardin ha incassato un successo dietro l’altro imponendo la sua firma (e la sua storia) su uno dei capitoli più entusiasmanti e vivaci dell’alta moda.

Il successo tra affari e mondanità

Nel lontano 1959, forte di uno spirito sempre pronto a nuove sfide e nuove avventure di stile, Pierre Cardin è stato il primo stilista ad aprire un negozio in Giappone, aprendo alla conquista di orizzonti sempre più importanti.

Il suo fiuto per gli affari e la passione per la vita mondana hanno segnato il suo percorso anche in altri settori oltre la moda, come quello della ristorazione.

Nel 1981 l’acquisto dei ristoranti Maxim’s e l’apertura di diverse filiali in tutto il mondo, tra New York, Londra e a Pechino, e l’omonima catena di hotel.

Nello spettro della sua creatività, quindi, un ventaglio di percorsi paralleli nel segno dello stile e del profondo amore per la novità. Nel 1954 una delle sue principali innovazioni in passerella: il suo “bubble dress” (il vestito a bolle) ha fatto scalpore e dettato il passo, restituendo la misura di un genio imprevedibile e inimitabile.