Politica

Nuovo Dpcm, Regioni in fascia rossa e blocco degli spostamenti

Nuovo Dpcm - Molte Regioni sembrano destinate a cambiare colore ancora prima del prossimo Dpcm
Il Presidente del Consiglio Conte in senato

Continua il sistema delle regioni a colori per evitare l’estendersi del contagio da Covid-19, e se i cittadini hanno le idee chiare su quello che accadrà da oggi 8 gennaio, quindi zona gialla rafforzata, fino a domenica, zona arancione, il mistero resta su quanto accadrà dall’11 gennaio. Intanto il governo pensa alle misure del prossimo Dpcm, quello che entrerà in vigore il prossimo 16 gennaio.

Le regioni che cambiano colore

Il bollettino del Ministero della Salute a cui ormai siamo abituati preoccupa ancora, soprattutto riguardo ai numeri delle terapie intensive.

Da lunedì, quindi, sembra che il destino di molte regioni sia di tornare in fascia arancione. A rischiare la zona rossa sono Lombardia e Veneto, ma anche Emilia-Romagna, Lazio, Puglia, Calabria e Basilicata. Un’Italia prevalentemente a zone arancioni, probabilmente, con qualche zona rossa. Più preoccupanti i dati della Sicilia che potrebbe invece passare direttamente a zona rossa: i tecnici regionali avrebbero suggerito al presidente Nello Musumeci di adottare le misure più restrittive visto l’aumento dei contagi.

In ogni caso bisognerà attendere la conferma che arriverà nella giornata odierna.

Il nuovo Dpcm

Intanto però il Governo Conte deve puntare lo sguardo sul prossimo Dpcm che entrerà in vigore il 16 gennaio. Ultima settimana di valutazione quindi, prima della firma del premier Conte, anche se, a grande linee, le regole rimarranno simili a quelle di questo periodo.

Primo su tutti resta il coprifuoco, con il divieto di uscire di casa dalle 22 alle 5, se non per ragioni di lavoro, necessità e salute. Il ministro Speranza è deciso a continuare a vietare gli spostamenti tra regioni e nel week end dovrebbe scattare la zona arancione anche per chi si trova in zona gialla.

Resterebbe comunque la deroga agli spostamenti per i piccoli comuni al di sotto dei 5.000 abitanti per chi si trova in una regione arancione, con le limitazioni a cui ci siamo abituati nell’ultimo periodo, cioè la possibilità di allontanarsi non più di 30 chilometri e non raggiungere il capoluogo di provincia.

Dovrebbe anche permanere la regola, per chi si trova in fascia rossa, di andare a far visita ad amici e parenti, in un massimo di due persone, con figli minori di 14 anni, una sola volta al giorno. Insomma, la deroga inserita nel periodo delle Feste dovrebbe rimanere attiva.

Il destino dello sport

Sembra che il nuovo Dpcm potrebbe anche contenere delle modifiche sul fronte sportivo. Il ministro Vincenzo Spadafora vorrebbe dare, almeno a chi si trova in area gialla, il via libera per tornare ad allenarsi in forma individuale anche per chi fa sport di squadra. I dubbi su questo fronte ancora permangono e certamente sarà uno dei temi più dibattuti.

Approfondisci

TUTTO sul CORONAVIRUS

Vaccino Moderna: come funziona e quante dosi arriveranno in Italia

Recovery Plan, in arrivo 222 miliardi: a cosa sono destinati

Potrebbe interessarti