Il sensitivo Solange, trovato morto in casa

Il mondo dello spettacolo italiano sta facendo i conti con l’improvvisa scomparsa di Paolo Bucinelli, meglio conosciuto come Solange. Il sensitivo e personaggio televisivo è scomparso per apparenti cause naturali mentre si trovava in casa sua, ed ora emergono alcune testimonianze dei suoi ultimi giorni di vita. A sentirlo, tra gli ultimi, l’amico Dario Ballantini e Vladimir Luxuria.

La causa della morte di Solange

L’ultima apparizione di Solange è stata il 3 gennaio, a Uno mattina in famiglia. Poi, nei giorni successivi, un malore. Uno svenimento, secondo quanto rivelato da Dario Ballantini, storico imitatore di Striscia la Notizia.

Solange sarebbe infatti andato in ospedale per uno svenimento, poi le dimissioni, il rientro a casa e la tragica scoperta di giovedì 7 gennaio.

Allarmati dal suo silenzio, infatti, le persone a lui vicine hanno chiamato i Vigili del Fuoco e, dopo essere entrati in casa sua a Collesalvetti (Livorno), hanno trovato il corpo senza vita del 68enne Solange. Il sensitivo sarebbe morto per cause naturali ma, si apprende, la Procura di Livorno avrebbe disposto l’autopsia per far luce sulle circostanze della sua morte.

Solange, l’amico Ballantini: “L’avevo sentito fino a 2 giorni fa”

In un’intervista al Corriere della Sera, l’imitatore Dario Ballantini ha rivelato di aver sentito Solange fino a 2 giorni prima della sua tragica scomparsa.

Era stato in ospedale per uno svenimento – le sue parole riportate da numerose fonti – Mi aveva detto che lo avevano invitato a Uno Mattina, la trasmissione della Rai, e mi chiedeva se mi era piaciuto“.

Sull’amico scomparso, poi, ha aggiunto: “Era una persona buona, di rara intelligenza, Paolo, e aveva una sensibilità assoluta, che gli consentiva di guardare nell’animo della gente. Ci scherzava. ‘Non indovino il futuro’, mi diceva ma a volte le sue rivelazioni erano impressionanti”.

Post di Dario Ballantini su Solange
Post di Dario Ballantini su Solange

Vladimir Luxuria su Solange: “Si è lasciato andare”

Tra le personalità del mondo della televisione toccate dalla scomparsa di Solange, celebre anche per una litigata con il Divino Otelma da Mara Venier, c’è anche Vladimir Luxuria. L’ex politica ha rivelato a Fanpage che era in contatto con Solange e di averlo sentito giù nell’ultimo periodo: “Forse si sentiva un po’ trascurato dalla televisione“. Sul sensitivo, ha poi detto: “Solange aveva questi sbalzi di umore e questo aveva ingannato un po’ tutti.

Il fatto di non avere risposto per molto tempo, soprattutto alle persone che gli stavano vicine, ha generato allerta ed è arrivata la scoperta“.

Secondo la oggi opinionista televisiva, il sospetto che Solange si fosse suicidato le era passato per la mente. Sulle cause della morte, però, aggiunge: “Secondo me si è proprio lasciato andare. Il mio sospetto è che abbia avuto un malore ma che non abbia volutamente chiedere soccorso e si sia lasciato andare“. E ancora: “Ultimamente, nelle nostre telefonate, usava frasi un po’ preoccupanti. Ogni tanto mi diceva ‘quando non ci sarò più’, oppure ‘che cosa ci sto a fare, Luxy’”.

Approfondisci

È morto Solange: l’addio al sensitivo della tv