eleonora daniele in primo piano

Svolta nelle indagini sull’aggressione subita da una troupe di Storie Italiane a Roma, nel dicembre scorso: gli inquirenti hanno stretto il cerchio intorno a 2 persone, noti esponenti della tifoseria ultras della Lazio ora ai domiciliari. La conduttrice della trasmissione, Eleonora Daniele, ha parlato degli sviluppi in diretta, ricalcando i contorni della violenza che ha colpito gli operatori Rai.

Troupe di Storie Italiane aggredita a Roma: 2 arresti

C’è una svolta nel caso della troupe di Storie Italiane vittima di un’aggressione a Ponte Milvio, Roma, il 20 dicembre scorso. Poche ore fa, i Carabinieri della Compagnia Roma Trionfale e gli agenti della Digos, con l’ausilio del personale del Commissariato Prati, hanno dato esecuzione alla misura cautelare degli arresti domiciliari emessa a carico di 2 persone.

Si tratta di noti esponenti della tifoseria ultras della Lazio, come riferiscono gli inquirenti, individuati all’esito di una complessa attività investigativa coordinata dalla Procura di Roma.

La dinamica dell’aggressione a Ponte Milvio

I fatti risalgono al 20 dicembre scorso, quando 2 operatori Rai del programma Storie Italiane si trovavano a Ponte Milvio per girare un servizio sull’emergenza Covid.

Un gruppo di 10 persone li avrebbe notati e poco dopo sarebbe scattata la brutale aggressione. Per le percosse, 15 giorni di prognosi al cameraman.

Le indagini avrebbero permesso di identificare almeno 2 persone che, all’esito del quadro di elementi raccolti dagli investigatori, sono destinatari della misura cautelare agli arresti domiciliari disposta dal Gip.

Le parole di Eleonora Daniele

In apertura di puntata, Eleonora Daniele ha affrontato la notizia con il suo pubblico e gli ospiti, approfondendo ulteriori contorni di quanto accaduto: “Sono stati arrestati per l’aggressione che noi abbiamo ricevuto sotto Natale, mentre portavamo avanti testimonianze giornalistiche di quello che accadeva nelle piazze romane durante le chiusure Covid.

Un nostro operatore e una nostra inviata sono stati aggrediti mentre facevano il loro lavoro“.

La troupe sarebbe stata aggredita dopo aver notato il gruppo di persone senza mascherina: “Non hanno gradito le telecamere – ha aggiunto Eleonora Daniele – che erano accese ma la nostra inviata non aveva fatto ancora domande. L’operatore è stato braccato da un gruppo di 6-7 persone che lo hanno aggredito, riempito di pugni e calci.

2 sono state arrestate“.

La conduttrice ha ringraziato le forze dell’ordine, prima di mostrare alcune sequenze che documentano l’aggressione: “La telecamera è caduta per terra, tra un calcio e l’altro. Pensavano di averla rotta ma si è girata, e ha ripreso in viso molti di questi aggressori che non indossavano la mascherina. Il disco rigido si è salvato, per cui ci sono le immagini“.

Approfondisci

TUTTO SU ELEONORA DANIELE

Palermo, giornalista aggredita: “Ho chiesto aiuto, mi hanno detto no”