corridoio ospedaliero

In tutto il mondo continua la contro il tempo per fermare i nuovi contagi da Coronavirus, Cina compresa. Nel Paese in cui tutto è iniziato, costruito un ospedale in soli 5 giorni: sarebbe il primo di 6 strutture per pazienti Covid da realizzare nel giro di una settimana nei pressi di Pechino. Nella Capitale, intanto, scatta il lockdown per 1,7 milioni di persone.

Cina: ospedale Covid costruito in 5 giorni

In Cina, completata in tempo record la costruzione di una struttura per pazienti Covid che comprende 1.500 stanze. Si tratterebbe del primo di 6 ospedali che dovrebbero sorgere a Nangong, nella provincia di Hebei, a sud di Pechino.

In totale, a opere concluse, le camere disponibili per il ricovero di chi è affetto da Sars-CoV-2 sarebbero 6.500, primo grande passo per combattere la nuova ondata di infezioni che si è registrata nell’area. A renderlo noto è l’agenzia di stampa cinese Xinhua.

Secondo i dati diffusi nelle ultime ore e riportati da Ansa, in Cina si sarebbero registrati 118 nuovi casi, di cui 106 trasmessi localmente e 12 importati, nella giornata di ieri, 19 gennaio. A preoccupare maggiormente sarebbe la situazione di Nangong e Shijiazhuang (capitale della provincia di Hebei).

A Wuhan un’opera record in 10 giorni

Il complesso di 6 ospedali Covid all’orizzonte dovrebbe essere completato entro la prossima settimana. La Cina non è nuova a opere d’urgenza di questo tipo, realizzate in tempi record per rispondere all’esigenza di posti letto in piena pandemia.

La costruzione dei nuovi centri destinati ai pazienti colpiti dal Coronavirus ricalca l’impresa portata a termine durante la prima ondata, quando un programma simile permise di far nascere in 10 giorni un centro sanitario a Wuhan, la città ritenuta epicentro dell’emergenza in cui il virus fu segnalato per la prima volta.

Pechino: 1,7 milioni di persone in lockdown

Poche ore fa, Pechino ha deciso di introdurre nuove misure di contenimento alla luce della recrudescenza dell’emergenza. 1,7 milioni di persone sarebbero attualmente in lockdown nel distretto di Daxing, a sud della capitale. Scatta così il divieto di lasciare la città, si legge nella nota diffusa dall’agenzia di stampa cinese, per cui chi deve spostarsi potrà farlo soltanto se negativo al tampone e previa approvazione delle autorità locali.

Esteso a 28 giorni, inoltre, il periodo di monitoraggio sanitario e restrizioni per chi arriva dall’estero, con obbligo di trascorrere 14 di quarantena in strutture centralizzate.

Guarda il video:

https://www.instagram.com/p/CKLKRioneUb/

Approfondisci

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Covid: preoccupa la variante brasiliana

Coronavirus, Italia rischia terza ondata: l’allarme di Conte