Politica

Le parole di Conte su Draghi e il nuovo governo

Giuseppe Conte parla fuori da Palazzo Chigi e rivolge una frecciata direttamente a Mario Draghi e un messaggio per i 5 stelle
Giuseppe Conte

Annunciato come sempre via social, arrivano le parole di Giuseppe Conte, presidente uscente. Gli occhi di tutti nelle ultime ore sono stati puntati su Mario Draghi, che ieri ha accettato il mandato dal presidente Mattarella e che oggi inizia le consultazioni.

Le parole di Giuseppe Conte

Desidero ringraziare gli amici della coalizione“, dice il premier uscente fuori da Palazzo Chigi di fronte alla stampa che lo aspetta unita per una delle sue prime dichiarazioni pubbliche dopo le dimissioni.

L’ex premier spiega di aver incontrato Draghi nella giornata di ieri, rivelando “un colloquio molto aperto“, positivo. “Gli ho fatto gli auguri di buon lavoro“, aggiunge ancora. Poi entra nel merito della polemica che lo vede come rivale di Draghi: “Da me non è arrivato nessun ostacolo a Draghi, i sabotatori cercateli altrove“. Chi parla così, continua, “non mi conosce o parla in malafede“.

L’ex premier specifica di essere ancora al servizio del Paese: “Continuerò a lavorare per il bene del Paese“, e lavora “perché si possa formare un nuovo governo nell’interesse dei cittadini“.

Poi si concentra sul futuro del Paese: “Per il bene del Paese auspico governo politico“, sottolinea sapendo che Draghi un politico non è, un governo che faccia “scelte politiche” perché “le urgenze del Paese richiedono scelte politiche che non possono essere affidate a squadre di tecnici“.

Il messaggio al MoVimento 5 stelle

Poi si rivolge al MoVimento 5 stelle che ancora nelle scorse ore, nonostante l’incarico a Draghi, ha pubblicamente sostenuto Conte come leader e nome di punta: “Io ci sono e ci sarò“. “Dobbiamo continuare a lavorare tutti insieme“, aggiunge invece rivolto a Pd e Leu, per un “progetto forte e concreto che dà buoni frutti”.

Approfondisci

Draghi, le riforme necessarie: il “debito buono”, i giovani e l’Europa

Mario Draghi, parla Giancarlo Magalli: “A scuola era intelligente e simpatico”

Potrebbe interessarti