Franco Marini

È morto l’ex presidente del Senato Franco Marini. Aveva 87 anni. Marini era risultato positivo al coronavirus, ed era stato conseguentemente ricoverato nel reparto Covid dell’ospedale San Camillo de Lellis di Rieti il 4 gennaio scorso. L’ex senatore era stato infine dimesso e ora arriva la notizia della sua morte.

L’addio della politica

La politica come passione e organizzazione, il mondo del lavoro la sua bussola, il calore nei rapporti umani. Ci mancherà Franco Marini. Ha accompagnato i cattolici democratici nel nuovo secolo“, ha scritto su Twitter Paolo Gentiloni.

E ancora: “Ci mancherai Presidente Marini“, scrive sempre su Twitter Debora Serracchiani del Pd.

Profonda tristezza per la notizia della scomparsa di Franco Marini. Tanti pensieri, tanti ricordi. Un grande protagonista. Un grande amico“, scrive ancora Enrico Letta.

Una preghiera accompagni Franco Marini.Ricordo il suo impegno da parlamentare europeo nella comune casa del EPPGroup e le lunghe chiacchierate sulla politica italiana.Non la pensavamo sempre alla stessa maniera,ma era una gran persona“, scrive il vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani.

Ci ha lasciato Franco Marini. Un grande Italiano. Instancabile combattente a difesa del futuro e dei diritti dei lavoratori.

Protagonista e guida dei cattolici democratici, è stato, davvero per tutti, un esempio e un punto di riferimento per il suo pensiero e per la sua voce libera e autorevole. Tra i fondatori del Partito Democratico, ha combattuto per rafforzare la democrazia e per un Italia più giusta. Siamo tutti più soli“, scrive su Facebook il segretario del Pd Nicola Zingaretti.

Mi mancherà Franco Marini, combattente e appassionato. Sempre a difesa della democrazia e dei diritti dei lavoratori“, si unisce al cordoglio della politica anche il ministro della Salute Roberto Speranza, sempre su Twitter.

Chi era Franco Marini

Era nato a San Pio delle Camere, il 9 aprile 1933. Franco Marini aveva cominciato la sua carriera politica come leader della Cisl, per poi arrivare in Parlamento nel ruolo di segretario Ppi. Nel 1991-92, Marini diventa ministro del Lavoro nel governo Andreotti e infine presidente del Senato nel 2006-08.