Faenza, continuano le indagini sull’omicidio di Ilenia Fabbri, la donna sgozzata in casa sua, forse come omicidio su commissione. Questa la pista al momento battuta dagli inquirenti, che hanno inserito nel registro degli indagati l’ex marito Claudio Nanni; l’accusa sarebbe quella di concorso in omicidio pluriaggravato.

A peggiorare la posizione dell’uomo ci sarebbero diverse frasi pronunciate dallo stesso, in presenza di testimoni, proprio contro Ilenia Fabbri. Vere e proprie minacce che sarebbero collegate alle cause in corso per i 100mila euro che lui le doveva; cause che lei stava vincendo.

Omicidio Ilenia Fabbri: le parole del marito

Se continua così, prima o poi le mando qualcuno a farle la festa” questa la frase che Claudio Nanni avrebbe pronunciato in più di un’occasione.

A riportarle il Resto del Carlino che riferisce di un testimone che si sarebbe presentato in commissariato per rilasciare queste dichiarazioni.

Questa persona avrebbe sentito direttamente da Nanni le “minacce” nel periodo in cui erano incorso le udienze sui 100mila euro di compensi mancanti che Claudio Nanni non avrebbe mai dato alla moglie negli anni in cui lavorava per lui nell’impresa di famiglia. Inoltre, pare che Ilenia Fabbri vivesse nel terrore dell’ex marito che in passato aveva avuto atteggiamenti violenti, acuitisi con la separazione.

Ilenia Fabbri: parla un’amica

Rggiunta dai microfoni di Pomeriggio 5, un’amica di Ilenia Fabbri ha raccontato che la donna viveva nella paura. “Era spaventata” ha detto la donna, aggiungendo: “Non riusciva a vivere proprio serenamente perché comunque era spaventata”.

Secondo quanto riferito dalla donna, Ilenia Fabbri le avrebbe detto: “Se vinco la causa mi ammazza, ma non si sporcherebbe nemmeno le mani ma mi manderebbe qualcuno. Vedrai che qualcuno lo troverebbe”.

Secondo quanto riferito dall’amica, queste considerazioni della vittima risalirebbero a diversi mesi fa e non solo, pare anche che Claudio Nanni avesse scatti di rabbia manifestati anche davanti ai giudici. Secondo l’amica lui non aveva mai mollato la presa sull’ex moglie, accecato dalla gelosia e ora anche dai risultati delle cause.

Una sagoma misteriosa

Intanto dalle telecamere di videosorveglianza della zona sono emerse delle immagini che potrebbero ricondurre al killer. Infatti si vedrebbero le immagini di quello che sembrerebbe un uomo incappucciato che si aggirava nella zona poco prima delle 6 del mattino e, poco dopo, allontanarsi.

Nella casa gli inquirenti avrebbero trovato anche tracce di sangue che forse potrebbero essere riconducibili all’assassino. Ilenia infatti avrebbe tentato di difendersi prima di essere uccisa.

La registrazione della morte di Ilenia Fabbri

Claudio Nanni è trincerato nel silenzio, chiuso in casa con la figlia Arianna, continua a ripetere di essere innocente. Intanto però, nelle mani degli inquirenti è arrivato un elemento importantissimo ai fini dell’indagine, si tratta di una registrazione della chiamata della giovane legata ad Arianna a Claudio Nanni.

La ricostruzione fatta dal Resto del Carlino è la seguente, poco dopo le 6, la ragazza rimasta in casa a dormire dopo la partenza di Arianna e del padre, sente Ilenia Fabbri urlare e fuggire giù per le scale, ad inseguirla c’è un uomo che lei ha descritto ben piazzato, alto e dalle spalle larghe; la ragazza si chiude in camera e chiama prima Arianna che attacca e chiama la polizia e poi il padre.

Secondo quanto riferito dal quotidiano, Claudio Nanni avrebbe registrato la telefonata grazie ad un’app recentemente installata. In questi 20 minuti gli inquirenti avrebbero sentito le frasi più disparate, da Arianna che lo inviterebbe ad accelerare e che avrebbe detto alla ragazza di prendere un attizzatoio e andare a vedere, a lui che invece la inviterebbe a restare in camera.

La presenza della ragazza in casa sarebbe stato un imprevisto per Claudio Nanni ed è il tassello sul quale, secondo il quotidiano, gli inquirenti starebbero puntando.

Approfondisci:

Barbara d’Urso: troupe di Pomeriggio 5 aggredita a Faenza

Omicidio Ilenia Fabbri: perquisizioni a carico dell’ex marito della 46enne uccisa a Faenza