Fausto Gresini, ex campione del mondo 125 è morto a 60 anni

Il mondo dello sport e del motociclismo si è ritrovato, per pochi minuti a stringersi attorno ad un nuovo lutto. Dopo la scomparsa del calciatore Mauro Bellugi, solo pochi giorni fa, era arrivata la notizia della scomparsa dell’ex campione della 125 Fausto Gresini. Da tempo l’uomo è alle prese con serie complicazioni dal Covid-19, che alla fine gli sarebbero state fatali. A smentire la notizia però è intervenuto direttamente il team racing fondato da Fausto Gresini.

Il team Gresini Racing smentisce tutto

AGGIORNAMENTO 23.43 – Nonostante sia stata rilanciata dai principali quotidiani sportivi nazionali, pochi minuti dopo la circolazione della notizia sulla morte di Fausto Gresini è arrivata una smentita da parte del Gresini Racing.

Dall’account ufficiale del team fondato dall’ex campione, è stato diffuso un tweet: “Nonostante le notizie in circolazione, attualmente Fausto è ancora tra noi, seppur in condizioni critiche”. Continua a lottare quindi il motociclista

Il tweet del Gresini Racing sulla morte di Fausto Gresini
Fausto Gresini non è morto: l’annuncio del Gresini Racing team

Moto, gravissimo Fausto Gresini

La notizia era stata rilanciata dai principali siti sportivi, che nel corso delle ultime settimane hanno seguito da vicino la drammatica vicenda umana di Fausto Gresini.

L’ex pilota della classe 125 è ricoverato dallo scorso 27 dicembre, per complicazioni dovute al Coronavirus che lo avevano costretto a questo lunghissimo ricovero. Le sue condizioni sono apparse a più riprese critiche, con funzioni d’organo gravemente compromesse e problemi di natura respiratoria.

Pochi giorni fa si era accesa una piccola speranza per l’ex campione e ora manager sportivo. Le sue condizioni sembravano migliorare, fino alla drammatica notizia di questa sera che vedeva Fausto Gresini morto a 60 anni la sera del 22 febbraio all’ospedale Maggiore di Bologna.

Questo prima della smentita ufficiale del team.

Chi era Fausto Gresini, dalla 125 al team Racing

Il nome di Fausto Gresini è celebre per gli amanti del motociclismo italiano. La sua è stata, di fatto, una carriera divisa in due: come corridore ha esordito nel 1982 nella classe 125, proprio quella che lo consacra campione del mondo prima nel 1985 e nel 1987, entrambi vinti su Moto Garelli. Nel complesso, sono state 132 le gare disputate da professionista, condite da 21 vittorie e 47 podi. Il ritiro dalle corse è arrivato nel 1994, ma da lì è iniziata tutta una nuova carriera.

Nel 1997 è nato infatti il Gresini Racing team, che nel corso degli anni si è imposto tra i più riconoscibili del circuito, in grado di formare e sfornare campioni in tutte le categorie.

Tra questi i piloti tragicamente scomparsi Daijirō Katō e Marco Simoncelli, ma anche Sete Gibernau, Marco Melandri e molti altri.

Approfondisci

Morto Mauro Bellugi, ex calciatore della Nazionale: aveva subito l’amputazione delle gambe per il coronavirus