polizia immagine di repertorio

Due ragazzine di 13 anni sarebbero state sequestrate per tutta la notte e avrebbero subito violenza sessuale a Conegliano, nella provincia di Treviso.

Le due giovanissime sarebbero state abusate da un operaio di 45 anni nel novembre 2020, per cui l’arresto è scattato dopo l’esito delle indagini e degli esami di laboratorio. Le famiglie avevano denunciato la scomparsa alle forze dell’ordine, allarmati dall’assenza delle figlie durante la notte dell’11 novembre scorso. Il giorno dopo, le 13enni sarebbero tornate a casa raccontando cosa avrebbero subito.

Treviso, 13enni sequestrate e violentate

Si sarebbero recate volontariamente a casa dell’operaio di 45 anni, che conoscevano, le due 13enni, per poi finire nell’incubo.

L’uomo le avrebbe chiuse nel suo garage, dove era presente un materasso e dove sono stati rinvenuti un computer con alcuni film porno, che avrebbe visto insieme alle ragazzine seviziate durante la notte.

Le 13enni, residenti a Conegliano, provincia di Treviso, sarebbero state costrette a subire rapporti sessuali per tutta la notte, per poi essere lasciate andare la mattina seguente.

Le indagini e l’arresto

Il giorno dopo, le 13enni avrebbero raccontato ai genitori cosa accaduto e sarebbe scattata la denuncia contro l’operaio 45enne.

Mentre le indagini su quanto accaduto a novembre continuano, le analisi del laboratorio avrebbe confermato quanto accaduto alle ragazzine. Il gip del Tribunale di Treviso, Angelo Mascolo, ha disposto l’ordinanza di custodia cautelare per l’uomo, accusato di violenza sessuale e detenuto nel carcere di Santa Bona.

Le analisi di laboratorio hanno rinvenuto il DNA di una delle 13enni nel garage del 45enne, dove sono stati sequestrati il materasso, il pc con il materiale pornografico e alcuni fazzoletti. L’operaio si è avvalso della facoltà di non rispondere durante l’interrogatorio.

Se sei vittima o testimone di una forma di violenza su minori, chiama il 114, il numero di emergenza per tutelare bambini e adolescenti in situazioni di pericolo e di emergenza in cui sono coinvolti bambini e adolescenti. Se sei vittima di violenza di genere e stalking chiama il 1522, numero gratuito di pubblica utilità attivo 24 ore su 24 tutti i giorni dell’anno da rete fissa o mobile. Le operatrici telefoniche offriranno supporto in italiano, inglese, francese, spagnolo e arabo.

Approfondisci:

Roma, tenta di rapire una bambina di 4 anni in centro: donna fermata grazie alla baby sitter