Cristina Parodi in primo piano

Il 18 marzo è ufficialmente la data della Giornata nazionale in memoria delle vittime del Covid-19. La Commissioni Affari Costituzionali del Senato ha approvato ieri la proposta di legge che renderà questa celebrazione ricorrente ogni anno. La scelta della data è ricaduta sul giorno, indimenticabile nella memoria dei cittadini, in cui le immagini delle bare portate via da Bergamo su mezzi militari hanno fatto il giro del mondo.

Cristina Parodi, il ricordo del 18 marzo

La conduttrice e giornalista Cristina Parodi, moglie del sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, ha ricordato su Instagram il 18 marzo di un anno fa, quando la sua città osservava la fila di mezzi militari che portavano via le bare che non trovavano posto nel cimitero di Bergamo.

Esattamente un anno fa, il 18 marzo 2020, questa foto pubblicata sui social ebbe la forza di raccontare meglio di mille parole e di tanti numeri la tragedia che stavamo vivendo a Bergamo“, scrive la Parodi.

I camion militari che trasportavano le salme dei nostri morti, troppi per poter essere cremati nel cimitero. Oggi è il giorno del ricordo e del dolore, perché a distanza di un anno la paura non è ancora passata“, sottolinea.

“Questa mattina verrà inaugurato in città il bosco della memoria: non una lapide o una statua, ma un monumento vivo, che respira e che crescerà nel tempo.

Perché dal luogo più colpito dal COVID, senza dimenticare i nostri morti, possa arrivare un messaggio positivo di vita e di rinascita a tutta l’Italia“, conclude.

Cristina Parodi, post instagram

Mario Draghi a Bergamo per la Giornata nazionale in memoria delle vittime del Covid-19

Il presidente del Consiglio Mario Draghi sarà proprio oggi a Bergamo in occasione della Giornata nazionale in memoria delle vittime di coronavirus. Alle 11.00 depositerà una corona di fiori al Cimitero monumentale e poi alle 11.15 parteciperà proprio all’inaugurazione del Bosco della Memoria al Parco Martin Lutero alla Trucca.

La cerimonia vedrà la messa a dimora di 100 alberi.