draghi bosco

Mario Draghi, al termine della prima parte della giornata in memoria delle vittime del Covid, è intervenuto con parole molto forti e molto toccanti per onorare le vittime bergamasche e le loro famiglie. Non sono mancate parole severe verso il passato, di cui non ha voluto dimenticare gli errori che possono aver portato, nell’impreparazione e drammaticità del momento, alla morte di molti anziani.

Draghi ha iniziato il suo discorso parlando del ruolo del Governo: “Giornata piena di tristezza ma anche piena di speranza: lo Stato c’è e ci sarà, signor Sindaco. Non possiamo abbracciarci ma oggi ci dobbiamo sentire tutti più uniti”.

Le parole di impegno per le persone anziane

Non è mancato un discorso rivolto alle persone anziane rimaste vittime del virus, con un’implicito riferimento soprattutto alle vittime delle Rsa: “Questo bosco non racchiude solo la memoria dei tanti morti, ma è anche un luogo che ricorda il dolore di un’intera nazione, ed il luogo di un impegno solenne che oggi prendiamo: siamo qui per promettere alle persone anziane che non accadrà più che le persone più fragili non vengano adeguatamente protette: solo così questo bosco sarà anche il luogo simbolo del nostro riscatto”.

Mario Draghi: “Ricostruire senza dimenticare”

Non è poi mancato un accenno alla situazione della campagna vaccinale, sulla quale si è ribadita l’intenzione di pretendere massima organizzazione ed efficacia, con la promessa di non cambiare, a prescindere dalle decisioni dell’Ema, l’organizzazione e le tempistiche della campagna vaccinale. Poi, un’ultima promessa di impegno personale e governativo, affinché la giornata sia da celebrare “per ricostruire senza dimenticare”.

mario draghi pianta bosco memoria
Mario draghi pianta il primo albero del bosco della memoria

Approfondisci:

Mario Draghi a Bergamo, le parole del Sindaco Gori: ” Non c’è bergamasco che non abbia dovuto dire addio a qualcuno

La giornata in memoria per le vittime di Covid a Bergamo