Denise Pipitone, dopo 16 anni si riaccende la speranza. Una ragazza in Russia:

Piera Maggio non si fa illusioni, per ora: troppe volte in passato erano arrivate segnalazioni che avevano fatto sperare lei e Pietro Pulizzi, padre di Denise, di essere vicini al momento di rivedere la figlia, e tutte le volte si erano rivelate buchi nell’acqua.

Ora che la loro famiglia è scossa da una nuova segnalazione, che vede come protagonista una ragazza residente in Russia che dichiara di cercare sua madre e di essere stata rapita da piccola e mostra un’incredibile somiglianza con Piera Maggio, è arrivato un nuovo momento di trepidazione per la donna, che ha voluto raccontare a Chi l’ha visto?

Quali sono le sue emozioni in questo momento.

Denise Pipitone, parla Piera Maggio: “Piedi ben piantati a terra”

Piera Maggio ha dichiarato di non essersi fatta prendere dal vortice dell’entusiasmo: sa che potrebbe trovarsi davanti all’ennesima segnalazione errata, e a una nuova delusione. Così, in un messaggio registrato e mandato in onda ieri sera a Chi l’Ha Visto?, racconta: “Vogliamo rimanere con i piedi ben piantati a terra, cautamente speranzosi ma senza illuderci più di tanto anche perché le segnalazioni passate ci hanno mostrato che l’illusione non porta a nulla”.

Ovviamente c’è solo un modo certo per avere risposte, ovvero fare un prelievo di Dna e confrontarlo con quello dei genitori: “In questi casi ovviamente l’unica cosa da fare è chiedere che venga fatto il Dna ed è quello che noi chiederemo, l’unica soluzione per fugare ogni dubbio”.

Denise Pipitone: prelevato il Dna della ragazza

A quanto pare, il Dna della ragazza sarebbe già stato prelevato, ed ora potrebbe essere messo a confronto con quello di Piera Maggio. La donna, per ora, non ha in programma una partenza per mosca, al momento. Nonostante la calma e l’atteggiamento di prudenza, Piera Maggio sta comunque vivendo questo momento con il supporto di chi negli anni ha seguito la vicenda, ed ha voluto ringraziare pubblicamente chi ha espresso solidarietà alla famiglia: “Mi preme dire che vogliamo ringraziare veramente quanti in questo momento ci sono vicini e solidali.

Questo ci fa capire quanta gente e quante persone amano Denise e che non l’hanno dimenticata. Questo ci riempie il cuore”.

Approfondisci:

Denise Pipitone, una nuova pista: spunta una ragazza in Russia, rapita da bambina

Denise Pipitone, la storia: dalla scomparsa alle segnalazioni