Cronaca

AstraZeneca: l’Italia raccomanda il vaccino AstraZeneca alle persone over 60

AstraZeneca: l'Italia ha deciso di raccomandare il vaccino AstraZeneca alle persone over 60 dopo le comunicazioni dell'Ema delle scorse ore
astrazeneca vaccino

Ieri pomeriggio è arrivato il nuovo parere dell’Ema – Agenzia europea per i medicinali (European Medicines Agency) – che è tornata ad esprimersi sull’affidabilità del vaccino AstraZeneca: è ritenuto possibile un legame fra il vaccino e casi molto rari di trombosi. Per loro, a quel punto, la parola passava ai singoli Stati che devono decidere a chi somministrarlo. Nelle scorse ore è arrivata la decisione dell’Italia.

AstraZeneca: come funziona adesso in Italia

L’Italia ha deciso di raccomandare il vaccino Astrazeneca agli over 60.

La posizione decisa dal ministro Speranza dopo le comunicazioni dell’Ema e “dopo un confronto è quella di raccomandare un uso preferenziale nei soggetti oltre i 60 anni di età. Al momento non ci sono elementi per non considerare la somministrazione di AstraZeneca in chi ha ricevuto la prima dose di questo vaccino“, ha spiegato il professor Franco Locatelli, coordinatore del Cts e presidente del Consiglio superiore di sanità. Locatelli ha poi spiegato quanto detto ieri dall’Ema: “La valutazione fatta dal comitato di farmacovigilanza dell’Ema è che il nesso di causalità, per quanto non dimostrato definitivamente, è stato dichiarato plausibile“.

AstraZeneca: le parole dell’Ema

Prima di tutto vorrei iniziare dicendo che il nostro Comitato di Sicurezza ha confermato che i benefici del vaccino di AstraZeneca nel prevenire l’infezione di Covid superano i rischi degli effetti collaterali“, ha detto ieri Emer Cooke, direttore dell’Ema. “Il Coronavirus è una malattia molto seria che causa ancora milioni di morti – e tornando sul vaccino AstraZeneca – Questo vaccino si è dimostrato altamente efficace nel prevenire l’ospedalizzazione e sta salvando tante vite.

 [..] Dobbiamo utilizzare i vaccini che abbiamo a disposizione per proteggerci“.

E ancora: “I casi riportati di coaguli insoliti dopo la vaccinazione AstraZeneca devono essere elencati come possibili effetti collaterali molto rari del vaccino – spiega l’Ema – [..] una spiegazione plausibile è che ci possa essere una risposta immunitaria al vaccino [..] L’Ema sta lavorando a stretto contatto con le autorità nazionali“.

Potrebbe interessarti