morti casa riposo operatori no vax

Si parla di omicidio colposo per il caso delle morti nella casa di riposo di Fiano Romano che, si ipotizza, potrebbero essere riconducibili al mancato vaccino di alcuni operatori sanitari, e al presunto contagio da parte di uno di loro agli ospiti della struttura.

Il focolaio insorto a seguito dei contagi, nella casa di risposo e di riabiliazione, ha portato a 30 casi positivi (di cui 27 di ospiti e 3 di operatori) e a 5 morti.

Non si parla di iscrizione alcuna di operatori non vaccinati al registro delle indagini, ma per ora è stata confermata un’ipotesi di reato, ovvero l’omicidio colposo, e le indagini stanno proseguendo.

Operatori no-vax non vaccinati: muoiono 5 persone

Il caso era esploso a fine marzo: nella casa di riposo e riabilitazione di via Venezia a Fiano Romano, era esploso un focolaio di contagi: subito l’attenzione si era concentrata su un’operatrice no-vax, che aveva deciso di non fare il vaccino ed era poi risultata positiva. Era così nato il sospetto che i 30 contagiati totali della struttura potessero aver contratto il virus per via del suo caso. Roberto Agresti, titolare della struttura, era intervenuto con fermezza su quanto accaduto e le sue parole erano state riportate da Roma Today: “Gli operatori qui lavorano tanto, non posso dire nulla contro di loro e ora sono molto dispiaciuti per l’accaduto.

Abbiamo nuovamente sensibilizzato tutti a vaccinarsi e qualcuno nel frattempo lo ha fatto, ma quando sarà finita questa cosa, qui dovranno esserci solo operatori vaccinati”.

Dopo l’esplosione del focolaio, sono 5 le persone rimaste vittime del virus all’interno della struttura. 

Obbligo vaccinale: come funziona

Di recente è stato instituito, fino a 31 dicembre 2021, l’obbligo vaccinale per gli operatori socio-sanitari. Le strutture saranno obbligate a fornire gli elenchi degli operatori sanitari alle Regioni e verrà verificato che gli stessi siano stati sottoposti alla somministrazione del vaccino.

Coloro che non risulteranno essersi vaccinati avranno 5 giorni per farlo, e in caso contrario subiranno la sospensione dalla professione.