Legnano, 32enne molesta la figlia di 4 anni: la moglie lo scopre grazie a delle telecamere nascoste installate in casa

Secondo quanto si legge sulle pagine di cronaca che riguardano Legnano, un padre, un uomo di 32 anni, avrebbe molestato ripetutamente la figlioletta di 4 anni in casa. A scoprire tutto sarebbe stata la moglie dell’uomo e mamma della piccola dopo aver posto alcune telecamere nascoste all’interno della loro abitazione, una decisione che aveva preso dopo quanto le aveva segnalato un’amica.

Fermato, l’uomo è accusato di violenza sessuale ai danni della figlia di 4 anni.

La segnalazione dell’amica sulle molestie

I drammatici episodi di violenza emersi a Legnano in questi giorni riguardano una giovane famiglia composta da marito e moglie di origini sudamericane poco più che trentenni e dalla loro bimba di appena 4 anni.

A notare per prima che qualcosa all’interno della famiglia non andava sarebbe stata un’amica della madre della vittima. Come riporta LaPrealpina.it, la donna le aveva parlato con preoccupazione di alcune scene a cui aveva assistito: “Ho visto tuo marito che metteva una mano nei pantaloni di vostra figlia” avrebbe confessato allarmata la donna, come riporta la fonte locale, destando l’intervento della madre della piccola.

Telecamere e microspie in casa

Evidentemente preoccupata per quanto confessato dall’amica, la madre della bimba ha deciso di agire in silenzio, senza destare sospetti nel marito né intimorire la figlia.

Approfittando di alcuni momenti di assenza del marito dall’abitazione, la madre ha installato telecamere di sicurezza e microspie in buona parte delle stanze: dalla camera da letto alla zona riservata al divano. Quanto emerso dalle registrazioni avrebbe confermato i sospetti: le immagini, ora in mano agli investigatori, mostrerebbero inequivocabili scene di abusi da parte del padre nei confronti della figlia.

Arrestato, 32enne accusato di violenza sessuale

Sconvolta dalle immagini ottenute grazie alla sua iniziativa silenziosa, la donna ha consegnato tutto il materiale raccolto ai carabinieri.

Considerata la gravità della situazione e l’eloquenza delle immagini, le istituzioni hanno deciso di intervenire con urgenza per allontanare il padre dal nucleo familiare. Nel tardo pomeriggio di venerdì l’uomo è stato portato in carcere con l’accusa di violenza sessuale nei confronti della figlia di 4 anni. Nella giornata di oggi, lunedì 12 aprile, sarà sottoposto a un interrogatorio dal gip Stefano Colombo.

Nel frattempo, i carabinieri avrebbero condotto indagini più approfondite: in queste ore avrebbero infatti ascoltato la testimonianza dell’amica della madre della piccola e avrebbero interrogato parenti e conoscenti per comprendere lo stato delle dinamiche familiari.