virginia raggi accusata da andrea romano per la sepoltura del figlio

La sindaca di Roma Virginia Raggi di nuovo al centro della polemica. La gestione della Capitale è costata e continua a costare alla grillina numerosi attacchi e la sua possibile ricandidatura è stata a lungo ostacolo all’alleanza PD-M5S. Proprio un deputato del PD ha accusato direttamente Virginia Raggi e questa volta per un tema estremamente delicato come la sepoltura dei morti.

Andrea Romano contro Virginia Raggi: “La tua vergogna mai abbastanza grande

L’attacco diretto a Virginia Raggi non arriva da un utente qualunque, ma dal deputato PD Andrea Romano, che è stato personalmente toccato dallo scandalo cimiteri che sta colpendo Roma ma anche altre città in Italia.

A Palermo, infatti, aspettano ancora sepoltura oltre 800 salme e a Roma la situazione non sarebbe messa meglio. Su Twitter, Romano ha infatti confessato: “Oggi sono 2 mesi che mio figlio Dario non è più con la sua mamma, con i suoi fratelli, con me. 2 mesi che non riusciamo a seppellirlo“.

L’accusa è mossa all’Ama, azienda che si occupa non solo dello smaltimento dei rifiuti urbani ma anche dei servizi cimiteriali: “Ama non dà tempi di sepoltura degni di una città civile. Anzi, non dà alcun tempo“. E alla Raggi, taggata a inizio post, dice: “La tua vergogna non sarà mai abbastanza grande“.

Andrea Romano su Twitter scatena la polemica contro la Raggi

Il post della tragedia di Romano, è stato subito ripreso da numerosi esponenti politici. Sotto al tweet, è in bella vista il commento di Giorgia Meloni, che dice: “Non riesco nemmeno ad immaginare il dolore e la rabbia che due genitori possano provare davanti una tale vergogna. […] Raggi intervenga immediatamente, tutto ciò è indegno e intollerabile“.

Al Corriere della Sera, Andrea Romano ha rivelato che è la prima volta che racconta il suo dolore: il figlio, di 24 anni, è morto a causa di una grave malattia che si portava dietro sin dall’infanzia.

Lo sgomento è per la gestione dei servizi cimiteriali a Roma, città “da tempo sprofondata nel caos riguardo alle tumulazioni“. La decisione di denunciare la vicenda, è dovuta al fatto altri romani sono nella sua stessa situazione.

Polemica di Andrea Romano, le risposte di Ama e Virginia Raggi

Come immaginava, le sue parole hanno alimentato la polemica, tanto che sono arrivate risposte dai diretti chiamati in causa. Romano ha denunciato che la tomba per il figlio c’è, ma Ama “non riesce ad organizzare nemmeno la tumulazione“.

Nella replica dell’azienda riportata da Adnkronos, si apprende che il corpo del figlio di Romano è stato cremato il 15 marzo, ma che una circolare del Ministero della Salute “dispone che in questa fase emergenziale venga data la priorità alle prime sepolture rinviando operazioni cimiteriali non urgenti. E danno una data: il prossimo mese di maggio l’urna del figlio potrebbe venire tumulata.

Dal canto suo, Virginia Raggi ha convocato la stessa Ama, che “ha assicurato di stare lavorando ad una soluzione per dare risposte ai cittadini in questo momento di emergenza coronavirus“. Sul caso specifico, ha invece detto: “Ciò che è accaduto alla famiglia di Andrea Romano e ad altre famiglie è ingiustificabile.

Sono vicina a tutti loro. Posso solo immaginare lo strazio e il terribile dolore che stanno vivendo“.