amadeus di profilo

Nel corso della puntata di lunedì de I Soliti ignoti, il conduttore Amadeus si è lasciato andare ad una battuta risultata infelice. In risposta ad un indizio fornito da un ignoto nel corso della gara, ha affermato: “Oggi lo denuncerebbero…”. Una gaffe dal retrogusto sessista che (forse) la tv pubblica si poteva risparmiare. 

La clamorosa gaffe di Amadeus

La concorrente della puntata di lunedì 26 aprile era l’attrice, modella e neo scrittrice spagnola Rocìo Muñoz Morales, moglie del celebre attore italiano Raoul Bova. Durante la gara, come ogni partecipante al programma, la Morales avrebbe dovuto abbinare a ciascun ignoto il proprio mestiere, avvalendosi anche della possibilità di richiedere gli indizi e il domandone.

 

Poco dopo l’inizio della gara, dopo aver indovinato la professione del primo ignoto, Rocìo decide di chiedere l’indizio al 2º ignoto, una donna di 29 anni. Il primo suggerimento è: “Ho conosciuto mio marito accettando un passaggio in macchina”. A questo punto il conduttore, visibilmente stupito, cerca di approfondire chiedendo se i 2 si conoscevano già e quanto tempo era passato dal fatto raccontato.

La risposta di Amadeus che non è piaciuta

La clamorosa gaffe arriva poco dopo: “Oggi lo denuncerebbero… quello che oggi potrebbe sembrare stalkeraggio in realtà poteva essere romanticismo, galanteria, bisogna sempre scindere le due cose… altrimenti si fa di tutta l’erba un fascio e qualsiasi approccio con una ragazza, anche con un complimento, diventa una cosa negativa.” Il siparietto si conclude con un sorriso un po’ forzato dell’ignoto e le parole di Amadeus: “Sono contento che sia stato un approccio invece educato e galante da un certo punto di vista… Bravo!”.

La tv e l’Italia hanno un problema con la definizione di molestia?

Non è la prima volta che Amadeus si lascia andare a battute infelici riguardo le donne.

Dopo le accuse di sessismo per le frasi pronunciate durante la presentazione delle co-conduttrici del Festival di Sanremo 2020, ora un altro sproloquio di cui forse la tv non aveva proprio bisogno in questo preciso momento storico. Un fatto che può sembrare lieve, una battuta mal riuscita, ma che in realtà assurge ad essere purtroppo lo specchio di un modo di pensare e di agire. Indebolire la gravità di un reato come lo stalking può tradursi nel delegittimare le donne che lo denunciano e in Italia come nel mondo, la violenza contro le donne è ancora un enorme problema culturale prima ancora che giudiziario.

Approfondisci

Catcalling: la molestia di strada mascherata da complimento e gli insulti a chi la denuncia