gianluigi nuzzi e piera maggio

Gianluigi Nuzzi con un video su Facebook replica al commento di Piera Maggio, madre di Denise Pipitone. La trasmissione condotta dal giornalista, Quarto Grado, ha intervistato Anna Corona, ex moglie di Piero Pulizzi, padre della bambina scomparsa 17 anni fa a Mazara del Vallo. Maggio ha espresso la sua indignazione per l’intervista sui social, ma Gianluigi Nuzzi ha risposto duramente alle accuse della donna, citando il comportamento dei genitori di Marco Vannini e difendendo il diritto di cronaca.

Gianluigi Nuzzi replica sull’intervista ad Anna Corona a Quarto Grado

Dopo le critiche di Piera Maggio sull’intervista ad Anna Corona durante Quarto Grado, Gianluigi Nuzzi prende la parola in un video pubblicato su Facebook.

Il giornalista ringrazia il team che rende possibile la trasmissione e difende il lavoro dei suoi collaboratori.

Ilaria Mura ha fatto un’intervista scomoda e divisiva che fa discutere, quella ad Anna Corona. Anna Corona non andava intervistata? Io penso di sì. Penso che tutti abbiano diritto di replica, soprattutto quando non sono nemmeno indagati“, dichiara il giornalista, “Soprattutto a Quarto Grado, che è un programma che da puntate e puntate sta mettendo l’indice su tutte le zone d’ombra che ci sono state, le manomissioni, i depistaggi sull’inchiesta dopo la scomparsa 17 anni fa di Denise Pipitone“.

L’esempio del caso Vannini

Gianluigi Nuzzi dichiara nel video che Quarto Grado non è un programma “schierato“, e che “Noi cerchiamo di dare informazioni a 360 gradi“. Anche quando l’argomento è così delicato come la scomparsa di Denise Pipitone. “Certo, vedere certi volti, sentire certe parole, possono essere dei pugni allo stomaco, ma se non andiamo all’unico coro, sentiamo solo una parte, ecco questo non è nelle corde di Quarto Grado“, continua il giornalista.

Nuzzi cita l’esempio di Marina Vannini, madre di Marco: “Avete visto che stile che ha avuto la mamma Marina Vannini sentendo le parole di Antonio Ciontoli, che è stato condannato definitivamente a differenza di Anna Corona, per l’omicidio del povero Marco. Lei ha replicato con stile, che ha sempre contraddistinto questi genitori. Ecco, io a Marina e Valerio Vannini dò un abbraccio, andrò a trovarli, starò vicino a loro. Hanno ottenuto giustizia dopo 6 anni, hanno dovuto ingoiare dei rospi, hanno dovuto fare tanta fatica. Mamma Marina non ci ha mai detto chi intervistare, non ci ha mai detto cosa fare o cosa non fare, perché il giornalismo è così, la cronaca è così“.

Gianluigi Nuzzi sul caso Denise Pipitone: “Tante storture”

Nuzzi continua il suo intervento sostenendo che “Bisogna sentire tutte le campane, bisogna dare spazio a tutti. E noi ai Ciontoli per tanti, tanti anni, abbiamo chiesto un’intervista. Poi loro volevano darcela a ridosso della sentenza della Cassazione e ci sembrava poco elegante e forse interessato. Tant’è che abbiamo mandato noi, ieri sera, l’audio di Antonio Ciontoli che accusa noi di aver manipolato le intercettazioni telefoniche. Cose che si possono facilmente dimostrare quanto siano false“.

Sul caso di Denise Pipitone, il giornalista assicura che “Quarto Grado farà sempre un servizio pubblico, che non vuol dire suonare solo una campana. Vuol dire sottolineare tutte le porcate che sono state fatte nell’inchiesta sulla scomparsa di Denise Pipitone, su tutti questi errori incredibili, tipo che hanno messo una cimice vicino al condizionatore in modo tale da non sentire quello che stavano dicendo le persone sospettate. Tante storture, tante cose che spero che qualcuno vada a rispondere adesso con la nuova inchiesta della Procura di Marsala. Al tempo stesso, se ci sono delle persone che sono oggetto di voci, di accuse, queste hanno diritto di replica.

Se no, veramente, torniamo a un’Italia che a me proprio non piace“.

Approfondisci: