Gavin MacLeod in Love Boat

Gavin MacLeod è morto nella sua casa a Palm Desert, in California, all’età di 90 anni. L’attore era noto soprattutto per il ruolo del Capitano Stubing in Love Boat, storica serie degli anni Settanta che ha conquistato il pubblico a livello internazionale. L’attore ha avuto una vita ricca di soddisfazioni e contraddizioni, dovute anche al successo della stessa Love Boat.

Gavin MacLeod, morto a 90 anni il Capitano Stubing

Gavin MacLeod era noto soprattutto per il suo ruolo in Love Boat, iconica serie tratta dalla serie di romanzi Love Boats di Jeraldine Saunders andata in onda dal 1977 al 1986. L’attore era riuscito a imprimere caratteristiche indelebili al suo personaggio, rendendolo un protagonista della tv tra gli anni Settanta e Ottanta.

La figliastra Stephanie Steele Zalin ha spiegato che la morte di Gavin MacLeod è stata probabilmente dovuta all’età, d’altronde le sue condizioni di salute erano peggiorate negli ultimi tempi. “Ha avuto una delle più meravigliose, divertenti vite di chiunque conosca“, ha dichiarato Steele Zalin a The Guardian, “Se ne è goduto ogni minuto“.

La carriera di Gavin MacLeod

Gavin MacLeod ha iniziato la sua carriera nella Los Angeles degli anni Cinquanta, dove riuscì a ottenere piccoli ruoli per la televisione e il cinema.

Ha recitato con parti secondarie al fianco di grandi nomi della Hollywood di quegli anni, come Tony Curtis, con cui ha lavorato in Operazione Sottoveste, e con Bing Crosby in In due è un’altra cosa.

Il successo arriva negli anni Settanta, con il ruolo di Murray Slaughter nella serie Mary Tyler Moore Show, un cult delle sit-com. Alla fine della serie dopo 7 stagioni, Gavin MacLeod sbarca a Love Boat, dove interpreta il capitano della nave da crociera, Stubing. Ruolo iconico nella serie tv che ha visto una serie di star partecipare per innamorarsi durante il romantico viaggio.

Nonostante la stroncatura della critica, Love Boat raggiunse un successo planetario da parte del pubblico.

La crisi di Gavin MacLeod e la conversione

Proprio per il successo legato a un personaggio ben definito, Gavin MacLeod ebbe diverse difficoltà a essere scritturato per altri ruoli, che lo gettarono in una crisi profonda. Nel suo memoir, pubblicato nel 2013, l’attore confessa inoltre i problemi di alcolismo avuti all’inizio della sua carriera, e le difficoltà nel trovare lavoro da giovane, soprattutto per il suo aspetto. Gavin MacLeod ha parlato di come la conversione al cristianesimo evangelista l’abbia aiutato nel corso degli anni.