lavoro diploma qualifica professionale richiesti

Lo studio Unioncamere e Anpal ha individuato i diplomi e le qualifiche professionali che saranno più richiesti dal mercato del lavoro nei prossimi 5 anni. Ecco la classifica completa fino al 2025.

Lavoro, i 9 diplomi più richiesti

Lo studio ha stimato l’offerta di persone diplomate a 2.440.000 unità nel periodo 2021-2025 di riferimento, quindi con una media di circa 490.000 diplomati ogni anno. Tra questi, 1.560.000 saranno disponibili a lavorare (offerta in ingresso), suddivisi ogni anno in circa 120.000 provenienti dai licei, 126.000 dagli istituti tecnici e infine 64.000 dagli istituti professionali.

Al primo posto tra gli indirizzi di diploma più richiesti spicca amministrazione-marketing, con stime tra le 75.500 e le 84.100 unità richieste nel mercato del lavoro ogni anno. Il secondo posto spetta all’industria e all’artigianato, con 71.600-76.200 diplomati richiesti ogni anno, di cui oltre il 40% sarà nell’indirizzo della meccanica, meccatronica e dell’energia e il 24% nell’elettronica e elettrotecnica. I licei si collocano al terzo posto con 43.200- 46.000 diplomati annuali, mentre in quarta posizione troviamo il settore del turismo, con unità previste tra i 17.000 e i 21.700 ogni anno.

Nelle ultime posizioni della classifica, si colloca al quinto posto il settore socio-sanitario, con 12.700-13.100 diplomati che saranno richiesti ogni anno; sesto posto per trasporti e logistica (11.500-12.000 unità); ottavo posto per il settore delle costruzioni (11.600-12.000 diplomati); infine, nono e ultimo posto per l’ambito agroalimentare, per cui si stimano tra le 8.600 e le 10.000 unità annue.

Lavoro, la domanda e l’offerta di diplomati

A differenza di quanto emerso durante le previsioni delle lauree più richieste dal mercato del lavoro, in diversi indirizzi di diploma si riscontra un fabbisogno superiore all’offerta: indirizzo amministrativo-marketing, costruzioni, trasporti-logistica e agro alimentare.

Equilibrio tra domande e offerta invece per gli indirizzi socio-sanitario e industria-artigianato. Eccesso di offerta invece negli ambiti del liceo e del turismo. In quest’ultimo caso bisogna considerare l’impatto della diffusione della pandemia.

Lavoro, le 13 qualifiche professionali più richieste

Per l’Istruzione e la Formazione Professionale regionale (IeFP), lo studio prevede tra i 153.000 e i 172.000 qualificati ogni anno per i prossimi 5 anni. Il settore che vedrà più richiesta sarà quello meccanico, con 31.800-31.200 persone qualificate ogni anno, seguito al secondo posto da quello della ristorazione (23.400-31.700 unità annue).

Medaglia di bronzo per il comparto del benessere, con 24.600-25.100 qualifiche previste.

Quarto posto per i servizi di vendita (14.700-18.500 unità), quinto per l’ambito amministrativo segretariale (11.700-13.400 qualifiche) e sesta posizione per il settore edile (10.000-10.900 qualifiche ogni anno).

Seguono al settimo posto il settore elettrico (6.800-7.400), all’ottavo sistemi e servizi logistici (5.600-6.100), al nono l’ambito agricolo (4.000-4.400), decimo posto per i servizi di custodia e accoglienza (3.500-4.000 ), undicesimo per il settore della trasformazione agroalimentare (3.700-4.000).

Gli ultimi due posti sono occupati dai settori del legno, con 3.100-3.500 qualifiche previste ogni anno, e l’abbigliamento (1.700-2.300).

Confrontando domanda e offerta lo studio ha sottolineato una carenza di offerta per gli indirizzi della meccanica, dei servizi di vendita, benessere, amministrativo-segretariale, edile e logistica.