incidente sul lago di Garda: due morti

Dramma sul lago di Garda: è stato recuperato il corpo della donna che risultava dispersa da ore dopo il ritrovamento del cadavere di un 37enne su una barca. Si tratterebbe di una giovane di 25 anni, amica dell’uomo, che sarebbe morta insieme a lui durante un incidente. Ci sarebbero due persone indagate.

Incidente sul lago di Garda: due morti e due indagati

Le ricerche della donna sul lago di Garda si sono concluse con il ritrovamento del corpo nelle acque, dopo l’allarme lanciato diverse ore fa con la scoperta del cadavere di un 37enne a bordo di una piccola imbarcazione. Il quadro degli elementi per ricostruire la dinamica dell’accaduto si sarebbe fatto più nitido: secondo quanto emerso, la barca sarebbe stata coinvolta in un incidente con un motoscafo, travolta dallo stesso condotto da due turisti tedeschi che risulterebbero ora indagati.

I due giovani sarebbero morti nell’impatto, avvenuto nella notte a Salò.

La posizione delle due persone individuate dagli inquirenti sarebbe ora al vaglio per le ipotesi di omicidio colposo e omissione di soccorso. Sotto il loro motoscafo, riporta Ansa, sarebbero state isolate tracce riconducibili a un contatto con la barca su cui viaggiavano la 25enne e il 37enne.

Lago di Garda, le vittime dell’incidente sono una 25enne e un 37enne

Il 37enne morto nell’incidente è Umberto Garzarella, riporta ancora l’Ansa, e con lui, nel violento schianto tra la sua barca e il motoscafo guidato dai due indagati, ha perso la vita un’amica di 25 anni. Lo scontro si sarebbe verificato nella notte tra Saló e San Felice del Benaco, sulla sponda bresciana del lago di Garda e il cadavere dell’uomo sarebbe stato trovato prima dell’alba. Sul posto la Guardia Costiera e i carabinieri del Nucleo investigativo di Brescia.

La giovane deceduta nell’incidente sarebbe originaria di Toscolano Maderno.

Stando alle prime informazioni trapelate dopo il ritrovamento, avrebbe riportato lesioni devastanti, il corpo recuperato con le gambe parzialmente amputate per la violenza dell’impatto. Il 37enne, descritto come appassionato di nautica, sarebbe residente nella zona e i due avrebbero trascorso le ore precedenti a Salò con un gruppo di amici.