Jo Squillo

Jo Squillo è un’artista ha trascorso gran parte della sua vita tra studi di registrazione e palcoscenici, orientando la propria musica verso svariati generi, dal punk rock al dance pop. Ma altrettanto è stato il suo impegno anche in televisione, dove attualmente presenta il suo programma di tendenza TV moda, oltre ad essere una ferma attivista nei temi legati ai diritti delle donne. Scopriamo i retroscena della vita della conduttrice, tra carriera e vita amorosa, quella per cui è legata da 40 anni al compagno Gianni Muciaccia.

Chi è Jo Squillo: biografia e esordi della cantante

Giovanna Coletti, in arte Jo Squillo, nasce il 22 giugno del 1962 nella metropoli milanese.

L’animo ribelle e anticonformista che ancora oggi la contraddistingue, unito alla passione per la musica spinge l’artista a legarsi al punk rock italiano. Nel 1980 esordisce con il primo brano, composto da due tracce: Sono cattiva e Orrore. All’epoca la cantautrice era la leader della band tutta al femminile Kandeggina Gang, nome scelto per simboleggiare l’intento del gruppo di ripulire la musica italiana dai generi precedenti, battezzando un nuova prospettiva di fare musica. Il gruppo divenne portavoce di un movimento anti-maschilista, anche se alcuni atteggiamenti estremi della band scatenarono alcune polemiche.

Tra questi, esemplare fu l’episodio legato al concerto in Duomo, durante il quale Jo & company lanciarono dal palco dei tampax macchiati di rosso. Qualche tempo dopo comunque, la musicista lascia la band per dedicarsi alla carriera da solista.

Il successo da solista: dal punk rock al genere italo disco

Nel corso degli anni ’80, Jo Squillo tenta la via del successo abbracciando diversi generi musicali. In primis avvia l’etichetta da solista Jo Squillo Eletrix, con cui pubblica Girls senza paura, un brano ricco di influenza punk rock in cui si impone lo spirito ribelle e anarchico della cantante.

In seguito, si avvicina a correnti musicali più commerciali come il new wave, per cui incide il 45 giri Africa e il singolo Avventurieri, grazie al quale partecipa al Festivalbar. Successivamente, orienta il proprio interesse verso il genere italo disco, pubblicando l’album Bizarre e il brano I love muchacha, tradotto in diverse lingue.

La carriera da conduttrice di Jo Squillo

Dalla musica, la cantante Jo Squillo passa ai salotti televisivi, dapprima come ospite poi nelle vesti di conduttrice. Dopo il primo debutto al Festival di Sanremo 1991, dove si esibisce in coppia con Sabrina Salerno nella hit Siamo donne, viene chiamata da Antenna 3 in qualità di presentatrice per Scorribande.

In seguito, conduce Il grande gioco dell’oca e due edizioni di Festival di Castrocaro nel biennio 1993-1994. In seguito, a fine anni ’90 nasce dalla penna della cantautrice TV moda, programma improntato sulle tendenze del momento, che ancora oggi porta avanti sulle reti televisive. Nel 2019 invece approda nel reality show L’isola dei famosi, tuttavia è costretta a terminare l’esperienza e a ritirarsi in seguito ad un infortunio.

Jo Squillo, attivista nel campo dei diritti per le donne

Oltre che occuparsi di spettacolo e musica, Jo Squillo è da sempre attiva nel campo del femminismo, battendosi in prima persona per i diritti delle donne. D’altronde, la siglia suo format TV moda, scritta e cantata da lei, s’intitola La vita è femmina, singolo proprio incentrata sul tema delle donne. Nel 2013, finanzia e organizza il progetto Wall of Dolls sito in Via Edmondo De Amicis a Milano, con l’obiettivo di denunciare il fenomeno dei femminicidi. Inoltre, ogni anno in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne che cade il 25 novembre, la conduttrice organizza eventi e manifestazioni per contrastare il tema della violenza domestica purtroppo, ancora oggi, molto attuale.

Jo Squillo e il compagno Gianni Muciaccia

Per quanto riguarda la vita privata, non ci sono molte notizie legate ai suoi trascorsi amorosi. Sicuramente, oggi la cantante Jo Squillo è felicemente innamorata di Gianni Muciaccia: spesso confuso con il suo omonimo Giovanni Muciaccia, il volto di Art Attack. La coppia si conobbe negli anni ’80, quando per motivi di lavoro si trovarono a collaborare insieme in qualche canzone punk rock. Il compagno tuttavia, negli anni si è allontanato dal palcoscenico per dedicarsi al dietro le quinte del mondo dello spettacolo, lavorando come regista e produttore discografico. La coppia comunque non ha mai avuto, e voluto, figli.