Anna Falchi in primo piano

Anna Falchi e il suo compagno Andrea Ruggieri sono andati a convivere dopo 10 anni di relazione. L’attrice e conduttrice ha rivelato cosa l’ha spinta a decidere di fare il “grande passo” e ha parlato del rapporto con il deputato di Forza Italia, dal quale si è dovuta separare durante il lockdown.

Anna Falchi e la vita dopo il lockdown

Pochi giorni fa, Anna Falchi è stata ospite a I Lunatici su Rai Radio 2 e ha parlato con i conduttori Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio di vari argomenti. Le sue prime parole sono state per l’attuale situazione di graduale ritorno alla normalità dopo mesi di chiusure forzate.

Riapprezzi veramente tante coseha osservato- c’è proprio la gioia di potersi finalmente rivedere vis-à-vis”. La Falchi ha poi parlato della figlia Alyssa e di come la piccola abbia saputo far fronte alle difficoltà legate alla didattica a distanza. Parliamo tanto, siamo anche amiche ha spiegato la conduttrice, commentando il rapporto fra madre e figlia. Oltre alla bambina, nella vita di Anna vi è da tempo un uomo molto importante: il compagno Andrea Ruggieri. Recentemente la coppia ha deciso di affrontare un importante passo insieme.

Anna Falchi e la convivenza con Andrea Ruggieri

Anna Falchi e il fidanzato Andrea Ruggieri hanno da poco deciso di andare a convivere e la loro scelta è arrivata dopo anni di tentennamenti e rinvii.

Da una settimana finalmente ho finito di aprire scatoline, scatoloni, libri, vestiti, basta” ha spiegato, annunciando la fine del trasloco. Dopo 10 anni di ‘rodaggio’, diciamo ‘adesso si può fare dai’ ha commentato ridendo. I conduttori de I Lunatici le hanno quindi domandato come stesse procedendo la convivenza e lei ha risposto con grande serenità. “Va bene, va benissimo– ha dichiarato- il mio compagno è un uomo molto impegnato, io pure, quindi ci si incontra a casa anche per caso”.

Ognuno poi continua a fare la propria vita, perché noi siamo sempre stati molto indipendenti, molto liberi e però è bello” ha spiegato felice Anna.

Anna Falchi rivela cosa l’ha spinta alla convivenza: “Uno soffre di solitudine”

Dopo aver scherzato sul lungo tempo trascorso prima che lei e il suo compagno decidessero di andare a convivere, la Falchi ha chiarito cosa li ha convinti a condividere lo stesso tetto. “Lo slancio finale di questa scelta è stato sicuramente il lockdown ha ammesso. Siamo stati forzatamente lontani non essendo conviventi. Non siamo stati mai insieme, tanti mesi di lontananza, è stata una bella prova ha osservato ripensando all’anno appena trascorso.

Uno soffre di solitudine, mancanze. Non deve succedere più. Quindi abbiamo deciso per questa via, però molta gente invece ha fatto il contrario, durante il lockdown poi si è lasciata” il ricordo di Anna relativo al periodo trascorso lontano da Andrea Ruggieri. Ognuno ha i propri spazi ha poi precisato, facendo sapere come in casa si siano organizzati affinché ciascuno possa vivere serenamente nel nuovo ambiente domestico.

Il gesto più romantico di Andrea Ruggieri per Anna Falchi

Prima di salutare i conduttori, Anna Falchi ha risposto a un’ultima domanda relativa al gesto più romantico che un uomo abbia mai fatto per lei.

“Proprio il mio compagno io avevo la mia bambina che aveva solo 4 mesi e andai a fare un film in Bulgaria con Ezio Greggio e quindi stavo lì da sola e in quel periodo lì soffrivo moltissimo di una cervicale importante” ha ricordato. Lui era in grado di farmi dei massaggini particolari con una pomata, così che mi dava incredibilmente sollievo ha aggiunto. “Io dovetti partire, e mi lamentavo sempre che stavo male. Un giorno arrivo, torno dal set e vado alla reception e c’è un bigliettino che è inconfondibilmente scritto da lui– ha raccontato- dico ‘ma che strano’”.

La Falchi ha poi concluso il suo racconto, spiegando di aver trovato il compagno ad attenderla in ascensore e di aver apprezzato molto il suo gesto romantico.

Approfondisci

Rai2, il palinsesto per l’autunno-inverno 2021/2022: i conduttori e i programmi del secondo canale Rai

Sauro Falchi e l’offerta di denaro per tradire la sorella Anna, il racconto: “40 milioni se dicevo dov’era”