Politica

Riforma giustizia, Renzi si fa beffe di Bonafede e attacca il M5S: “È morto e nessuno glielo ha detto”

Matteo Renzi prende in giro l'ex Ministro Bonafede e il MoVimento 5 Stelle: le sue parole dopo l'approvazione unanime della nuova riforma Carabia
matteo renzi attacca il m5s e bonafede dopo la riforma giustizia cartabia

Nuove reazioni politiche dopo l’ok del Consiglio dei Ministri alla riforma della giustizia firmata Marta Cartabia. Seppur votata all’unanimità dal Governo Draghi, c’è molto malumore all’interno del M5S e soprattutto in Bonafede, ex Ministro della Giustizia, e nel leader in pectore Giuseppe Conte. Chi esulta è invece Matteo Renzi, che ha sbeffeggiato apertamente Bonafede e il MoVimento tutto.

Matteo Renzi esulta per la riforma della Giustizia: “La fine di Bonafede”

Già ieri erano arrivate le prime reazioni positive per l’approvazione della riforma in Cdm: su tutti Lega e PD, di solito distanti e oggi invece unite nel dire sì ad una rivoluzione del sistema giudiziario, che punta ad accorciare i tempi processuali per adeguarsi alle richieste dell’Europa.

Per poter accedere al PNNR, infatti, era stato richiesto all’Italia di tagliare e parecchio i tempi biblici per arrivare ai tre gradi di giudizio, tra i quali ora non ci potranno essere più di 3 anni di tempo.

Tra i più contenti c’è Matteo Renzi, l’uomo dal quale sta passando di nuovo una buona fetta di politica italiana.

Il suo ostruzionismo al Ddl Zan rischia di far saltare i numeri e l’ex premier non nasconde un certo astio beffardo nei confronti del M5S. Lo ha fatto con una enews in cui dice: “La riforma della giustizia segna la fine di Bonafede e io non mi vesto a lutto. Ieri pensavo che la riforma avesse qualche elemento su cui si potesse discutere, poi ho visto che oggi Bonafede l’ha attaccata a muso duro…Evidentemente è una buona riforma“.

Renzi fa il funerale all’M5S: “È morto e non lo sa”

La riforma della giustizia sta causando un’ulteriore spaccatura all’interno del MoVimento, che in queste settimane – complice lo scontro tra Giuseppe Conte e Beppe Grillo – sta facendo fatica a trovare equilibrio e prospettive future.

Matteo Renzi ha infilato il dito nella piaga: “Il M5s è finito, morto, non glielo hanno detto, non lo sanno, lasciamoli fare“.

Riforma giustizia, Giuseppe Conte si stacca: “Non sono d’accordo”

Neanche a dirlo, tra i contrari all’approvazione della nuova riforma – oltre a Forza Italia e Italia Viva per quanto riguarda in merito l’allungamento dei tempi per i reati di corruzione e concussione – c’è Giuseppe Conte, proprio l’uomo politico che più ha pagato le azioni di Matteo Renzi nell’ultimo anno.

Sulla nuova riforma Cartabia, l’ex premier in collegamento con i Giovani di Confindustria ha detto: “Ho apprezzato molto il lavoro della ministra Cartabia. Ma io non canterei vittoria oggi, non sono sorridente, in particolare sull’aspetto della prescrizione. Siamo ritornati a quella che nel passato era un’anomalia italiana“.

Rispetto al resto d’Europa – ha aggiunto – noi stiamo dicendo che se un giudizio d’appello dura due anni e un giorno e un giudizio di Cassazione dura un anno e un giorno, il processo svanirà nel nulla. Chi canta vittoria per questa soluzione, francamente non trova il mio consenso“.

Potrebbe interessarti