Cronaca Italia

Riccardo Muti compie 80 anni e li festeggerà dirigendo l’orchestra per il concerto del G20 al Quirinale

Riccardo Muti ha compiuto 80 anni e festeggerà in modo originale per i prossimi tre giorni
Riccardo Muti compie 80 anni

Riccardo Muti compie 80 anni, il direttore d’orchestra più apprezzato al mondo festeggerà dirigendo il concerto per il G20 che si terrà al Quirinale giovedì 29 luglio.

Un traguardo, quello degli 80 anni, che porta con sé il baglio di una lunga e straordinaria carriera durata 50 anni e vissuta a pieno nei teatri di tutto il mondo, ma con la costante consapevolezza e fedeltà alle sue origini. Proprio in occasione di questi giorni di festa, Riccardo Muti manterrà fede ad una vecchia promessa fatta ai ragazzi di Scampia.

Gli 80 anni di Riccardo Muti

Riccardo Muti ha compiuto oggi 80 anni, il direttore d’orchestra vanto italiano, e conosciutissimo in tutto il mondo, è nato a Napoli il 28 luglio 1941.

Una scelta curiosa, quella della madre di Muti di farlo nascere a Napoli; pur essendo originari di Molfetta, Gilda Peli Sellitto (la madre di Muti) era originaria di Napoli e, immaginandolo un giorno negli States, riteneva che spiegare dove fosse Molfetta sarebbe risultato troppo complicato rispetto ad una più famosa Napoli.

Oggi Riccardo Muti festeggerà in famiglia a Ravenna, sua città del cuore, insieme alla moglie, ai figli e ai nipoti.

Riccardo Muti: gli esordi e la carriera

Riccardo Muti è nato dunque a Napoli, ma ha vissuto a Molfetta fino ai 16 anni, per poi tornare nel capoluogo partenopeo per concludere gli studi liceali e musicali presso il Conservatorio di San Pietro a Majella. Nonostante avesse iniziato gli studi di filosofia all’università, Riccardo Muti sceglie la via della musica, trasferendosi a Milano per studiare composizione e direzione d’orchestra.

L’esordio alla direzione è nel 1967 al Teatro Coccia di Novara, dove ha vinto un premio per giovani direttore d’orchestra appunto.

Da quel momento inizia la sua ascesa nel mondo dei teatri, passando 12 anni come direttore principale e musicale del maggio Musicale Fiorentino, dal ’68 all’80. È al teatro La Scala dove Riccardo Muti ha passato buona parte della sua carriera, collaborazione che si è interrotta in malo modo e con le dimissioni del direttore nel 2005. Dopodiché ha presenziato eventi in tutta Europa e nel mondo, collaborando principalmente con la Berliner e Wiener Philharmoniker.

Il concerto per il G20 al Quirinale

Riccardo Muti dirigerà il concerto che si terrà al Quirinale per il G20 della Cultura.

L’evento sarà alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ma non sarà l’unico al quale parteciperà Muti in questi giorni.

Il ritorno alle origini: Napoli

Il 30 e 31 luglio invece, Riccardo Muti tornerà a Napoli, non solo città natale ma anche luogo dove tutto ha avuto inizio. Venerdì il direttore sarà festeggiato presso il Conservatorio di Musica San Pietro a Majella e dall’Associazione Ex Allievi nella Sala Scarlatti. Il giorno dopo sarà a Scampia per dirigere i ragazzi della giovane orchestra del quartiere, per mantenere fede ad una promessa che aveva fatto tempo fa.

Dopo aver girato il mondo in lungo e in largo io resto un uomo del sud” ha raccontato tempo fa e forse, proprio per questo, la sua voglia di tornare a casa per festeggiare i suoi 80 anni.

Potrebbe interessarti