TV e Spettacolo

Enrico Ruggeri annuncia concerto senza Green Pass, scoppia la polemica: “Insulti da entrambe le parti”

Il cantante esulta per la possibilità di accedere al suo concerto senza Green Pass, ma viene duramente criticato. La replica di Enrico Ruggeri
enrico ruggeri concerto senza green pass

Il cantante Enrico Ruggeri è al centro di una polemica social. Tutto è nato da un suo post in cui annunciava un concerto “senza Green Pass”: tra i centinaia di commenti, chi gli fa notare che le cose non stanno proprio come dice lui e chi si aspettava che cancellasse del tutto il concerto.

Enrico Ruggeri esulta per la “piccola grande vittoria” del concerto senza Green Pass

Tra i più scettici nell’ultimo periodo riguardo la situazione pandemica in Italia – hanno fatto rumore infatti le sue considerazioni sulla morte del medico Giuseppe De Donno – Enrico Ruggeri ha esultato su twitter per quella che lui stesso definisce una piccola grande vittoria: “Domani a Genova sarà possibile accedere al mio concerto anche SENZA GREEN PASS“.

Tuttavia, poi specifica: “Gli addetti della Croce Bianca effettueranno tamponi gratuiti ai possessori del biglietto“.

Ruggeri rivendica inoltre di aver già proposto questa soluzione un anno fa, quando i grandi eventi erano vietati per cercare di evitare assembramenti. In questo modo, si augura il cantante, si crea un precedente che potrebbe essere ben augurante per l’immediato futuro di un settore pesantemente colpito dalla pandemia da Covid-19.

Eppure, Ruggeri è stato attaccato da entrambe le parti.

Polemica per il tweet di Enrico Ruggeri: “Cosa hai inventato?”

Come era largamente anticipabile, al post di Enrico Ruggeri hanno risposto in centinaia e non sempre con toni adeguati al dialogo. A Ruggeri si fa notare soprattutto un errore logico: avere il tampone negativo è uno dei requisiti possibili per avere il Green Pass, quindi non è sostanzialmente vero che si possa accedere al suo concerto senza certificazione verde.

Tampone gratis = Green Pass, ma che vittoria è?” è il canovaccio di un certo tipo di commenti, ai quali ha risposto il diretto interessato.

Enrico Ruggeri ha infatti risposto: “La vittoria è: vedo il concerto senza dover fare il vaccino e senza spendere soldi per il tampone“. Effettivamente un passo avanti rispetto al sistema dei tamponi a pagamento e che livella un po’ le possibili differenze sociali, dando la possibilità a tutti – purché negativi – di ascoltare il concerto in sicurezza.

Enrico Ruggeri insultato “da ambedue le fazioni”: lo sfogo

Non è finita, perché con un terzo tweet Enrico Ruggeri ha voluto “denunciare” la situazione vissuta a seguito dell’annuncio.

Al suo post infatti in molti hanno fatto notare la questione tampone negativo/green pass, ma non sempre in maniera positiva. Oltre a chi gli fa sapere che “Neanche a cantare ormai ti si sopporta, genio“, c’è infatti chi ha scritto: “Pensavo avessi annullato tutte le date, invece alla fine ci sei cascato pure tu. Sei entrato a far parte di quella fetta di persone che pur di incassare sono disposte a piegarsi alle regole demenziali imposte da un manipoli di criminali“.

La risposta di Ruggeri è stata: “Riuscire a beccarsi insulti da ambedue le fazioni solo per aver difeso diritti e cercato soluzioni“.

Poi, il cantante ha aggiunto: “Forse fanno bene quelli che tacciono e non prendono mai una posizione, se non per correre in soccorso dei vincitori“.

Potrebbe interessarti