Cronaca dal Mondo

Ikram Nzihi liberata: svolta nel caso della studentessa italo-marocchina arrestata per un post

Ikram Nzihi è stata liberata in Marocco: la Farnesina conferma il positivo epilogo per la giovane italo-marocchina condannata per un post su Facebook nel 2019
Ikram Nzihi e di maio

Ikram Nzihi è stata liberata oggi in Marocco: arriva la svolta positiva nel caso della giovane studentessa italo-marocchina arrestata e condannata per offese contro la religione dopo aver condiviso una vignetta satirica su Facebook nel 2019. La conferma arriva dalla Farnesina.

Ikram Nzihi: l’annuncio della scarcerazione

Da Marrakech vi do una bellissima notizia. A breve Ikram Nzihi, incarcerata da giugno in Marocco, sarà liberata. Ikram sta bene e tra poco la riabbracceremo.

Sono molto felice“. Così su Twitter Enzo Amendola, il sottosegretario agli Affari Europei, ha annunciato la svolta per la studentessa italo-marocchina – al centro di un delicatissimo caso dopo la condanna al carcere per un post su Facebook, a margine dell’udienza in appello a carico della giovane.

Tweet di Enzo Amendola
Tweet di Enzo Amendola

Nel processo, riferisce Ansa, sono state ascoltate le ragioni della difesa e finalmente la ragazza potrà lasciare il carcere, anche grazie alla intensa attività di collaborazione istituzionale con le autorità locali. Ikram Nzihi sta bene, conferma Amendola, pronta a chiudere il drammatico capitolo che l’ha vista.

coinvolta.

Ikram Nzihi lascia il carcere: svolta per la studentessa italo-marocchina condannata per un post su Facebook

In queste settimane – ha dichiarato il sottosegretario Amendola, citato dall’Ansaabbiamo lavorato insieme al nostro ambasciatore a Rabat Armando Barucco, al Consolato e di concerto con il ministro Di Maio e la Farnesina. Ad agosto ho seguito il caso personalmente, parlando con le parti interessate e andando a trovare Ikram Nzihi nel luogo di detenzione. Continuano i solidi rapporti tra Italia e Marocco, frutto di un partenariato strategico“.

 

Dopo la conferma della Farnesina e l’annuncio di Amendola sulla liberazione della studentessa, arrivano le parole del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio: “Voglio ringraziare l’ambasciatore italiano in Marocco Armando Barucco e il sottosegretario Enzo Amendola per l’impegno che hanno dedicato alla causa. Assieme abbiamo seguito la vicenda dal primo momento, avendo a cuore unicamente il benessere della nostra connazionale, nel pieno rispetto del lavoro delle istituzioni e della giustizia marocchine“.

Potrebbe interessarti