Bandi

Concorso Agenzia Piemonte Lavoro, 134 posti a tempo determinato: quali sono i profili ricercati e come presentare domanda

Bando per 134 nuovi posti: quali sono i requisiti richiesti e come si presentano le domande. Tutti i dettagli del concorso
concorso agenzia piemonte lavoro

Nuovo bando di concorso per 134 posti a tempo determinato presso l’Agenzia Piemonte Lavoro. L’annuncio è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.65 del 17/08/2021. Le figure ricercate sono Tecnico dei servizi per l’impiego e Specialista delle politiche di lavoro.

Concorso Agenzia Piemonte Lavoro: i requisiti

Per candidarsi, è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana;
  • età non inferiore a 18 anni e non superiore a 32;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • essere in possesso di diploma di scuola secondaria di secondo grado di durata quinquennale o, per la posizione di Specialista delle politiche di lavoro, di Laurea di primo livello (DM 270/04); Laurea triennale (DM 509/99); Diploma di laurea vecchio ordinamento (previgente al DM 509/99); Laurea specialistica (DM 509/99); Laurea magistrale (DM 270/04).
  • non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego pressa una pubblica amministrazione, non essere stati dichiarati decaduti o licenziati da un impiego statale;
  • idoneità fisica.

Concorso per tecnico dei servizi per l’impiego e politiche del lavoro: come fare domanda

La domanda di ammissione al concorso deve essere presentata esclusivamente per via telematica, collegandosi alla piattaforma dedicata e inserendo i dati richiesti. Il termine ultimo per presentare domanda è il 16/09/2021.

Concorso: i dettagli e le materie delle prove d’esame

Le prove d’esame potranno essere precedute da una preselezione qualora il numero di domande di partecipazione sia pari o superiore a 500.

Per Tecnico dei servizi per l’impiego, la prova scritta riguarderà:

  • Gestione dei servizi per l’impiego: servizi ai cittadini ed alle imprese, compreso il collocamento mirato;
  • Gestione dei servizi previsti dal D.L. 4/2019 convertito in Legge n. 26 del 30 marzo 2019 “Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni”.

La prova orale consisterà in un colloquio finalizzato ad accertare le competenze dei candidati. Verterà, in aggiunta alle materie previste per la prova scritta, sulle seguenti:

  • elementi della normativa inerente il rapporto di lavoro pubblico con particolare riferimento agli Enti Locali;
  • elementi del Codice dell’Amministrazione Digitale;
  • elementi di diritto amministrativo (con riferimento agli atti ed al procedimento amministrativo, all’attività contrattuale ed alla responsabilità della Pubblica Amministrazione);
  • elementi di ordinamento statale, regionale e degli Enti Locali;
  • elementi di normativa in materia di prevenzione e contrasto della corruzione, di trasparenza, di diritto di accesso e di privacy.
  • conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse;
  • conoscenza della lingua inglese.

Per il profilo di Specialista delle politiche di lavoro, la prova scritta verterà su:

  • normativa nazionale e regionale in materia di lavoro e di politiche a sostegno dell’occupazione, misure, programmi ed incentivi a sostegno all’occupazione a livello nazionale e regionale;
  • programmazione regionale in materia di servizi al lavoro e politiche attive a valere sul FSE;
  • elementi di rendicontazione di progetti a valere su fondi strutturali;
  • caratteristiche del mercato del lavoro locale con particolare riguardo ai profili professionali richiesti/utilizzati e della rete dei servizi ivi disponibili;
  • tecniche di ricerca attiva del lavoro.

La prova orale verterà, in aggiunta alle materie previste per la prova scritta, sulle seguenti:

  • Elementi di diritto amministrativo e di diritto pubblico con approfondimento sulla legge n.
  • 241/1990, sulla normativa in materia di autocertificazione e sul trattamento dei dati personali e sensibili;
  • normativa sulla trasparenza amministrativa; conoscenza del C.C.N.L. Regioni ed Autonomie locali e del Codice di comportamento dei dipendenti pubblici; normativa in materia di reati contro la PA.
  • Gestione dei servizi per l’impiego: servizi ai cittadini ed alle imprese, compreso il collocamento mirato;
  • Gestione dei servizi previsti dal D.L. 4/2019 convertito in Legge n. 26 del 30 marzo 2019 “Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni”.
  • conoscenza dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse;
  • conoscenza della lingua inglese.

Potrebbe interessarti