Politica

Green Pass e test salivari: cosa dice il nuovo emendamento sul certificato verde e come funzionano i tamponi

È stato approvato un emendamento al Decreto sul Green Pass, relativo ai test salivari: tutto quello che c'è da sapere sulle modalità e i costi dei tamponi
test salivari come funzionano quanto costano

Grazie a un emendamento al Decreto sul certificato verde, per ottenere il Green Pass ci si potrà sottoporre anche a un test salivare molecolare, il quale dovrà risultare negativo nelle 48 ore precedenti. Lo ha approvato il 2 settembre 2021 la Commissione Affari sociali della Camera e, per fine settembre, è attesa la conferma definitiva. In cosa consistono i test salivari e quanto costano?

Test salivari: che cosa sono e come si usano

Il test salivare è il meno invasivo tra quelli disponibili al momento.

Può essere di due tipi:

  • Molecolare: deve essere effettuato in laboratorio ed è consigliato a chi necessita di controlli frequenti, per esempio per motivi di lavoro o per assicurare lo svolgimento in presenza delle lezioni. È infatti la tipologia più indicata per bambini, soggetti molto anziani e disabili. È l’unico che permette di ottenere il Green Pass;
  • Antigenico (rapido): si può eseguire in autonomia.

L’uso di questo test è regolato da una circolare del Ministero della Salute, che ne raccomanda il ricorso quando non sia possibile ottenere tamponi oro/nasofaringei, di preferenza nei primi 5 giorni dall’inizio dei sintomi.

Passato questo intervallo di tempo, infatti, la sensibilità del test salivare diminuisce notevolmente.

Test salivari: come funzionano e cosa succede quando si è positivi

Il tampone che occorre per il test raccoglie una piccola quantità di saliva, da cui è possibile scoprire l’eventuale presenza delle proteine di superficie del virus SARS-CoV-2. Il risultato richiede una decina di minuti: la saliva deve essere infatti inserita in una provetta, mescolata con del liquido reagente e infine esaminata attraverso un tester. A questo punto occorre un altro esame per confermare l’eventuale positività al virus.

Nel caso del test salivare molecolare, si cerca l’Rna del virus tramite una particolare analisi (Pcr) in laboratorio, con tempi di attesa di circa 24 ore.

Test salivari, quanto costano

Per effettuare un test di tipo molecolare, cioè l’unico valido per ottenere il Green Pass, i costi da sostenere sono simili a quelli per il tampone tradizionale. AltroConsumo fornisce i dati dei tamponi in alcune Regioni:

  • In Lazio e in Campania il costo medio è di circa 64€;
  • In Emilia-Romagna è di 105€;
  • In Lombardia, Piemonte e Veneto un tampone costa circa 90€.

Il test salivare è preciso soprattutto nei casi in cui la carica virale è alta e può essere utilizzato per lo screening di massa: secondo una ricerca condotta dall’Università di Padova, infatti, tutte le persone esaminate e risultate positive con test salivari sono state sottoposte entro 24 ore al tampone nasofaringeo, registrando una concordanza nel 98% dei casi.

Potrebbe interessarti