Economia

Superbonus 110% per gli immobili abusivi, arriva la risposta del Mef: cosa succede in caso di abuso edilizio

La questione del Superbonus 110% per gli immobili abusivi era già stata sollevata: ora il Ministero dell'Economia e delle Finanze chiarisce la propria posizione
superbonus in caso di abusi edilizi

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha chiarito un nodo importante relativo al Superbonus 110%, spiegando se sia possibile usufruirne anche in caso di immobile abusivo. Ecco la risposta del Mef e le particolari categorie di immobili a cui si applica.

Superbonus 110%, cosa succede in caso di abusi edilizi

A seguito di un’interrogazione della Commissione parlamentare, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha sciolto la questione del Superbonus 110% per gli immobili abusivi: l’agevolazione non consentirà di ottenere la sanatoria, ma si potrà applicare ad alcuni casi specifici di immobili abusivi, consentendo quindi di ottenere il bonus fiscale.

L’abuso, dunque, resta sanzionabile.

Per richiedere il Superbonus 100%, infatti, il Decreto Semplificazioni bis prevede che si presenti una speciale Comunicazione di inizio lavori asseverata per il Superbonus (CILAS), la quale non richiede che sia attestato lo stato legittimo dell’immobile.

Superbonus 110%, “aspetto fiscale separato dalla regolarità edilizia

In base a questa risposta del Ministero, il progettista abilitato non sarebbe tenuto a dichiarare se l’immobile è regolare o meno.

In questo modo la richiesta del Superbonus 110% può essere accolta e riconosciuta. Durante l’interrogazione parlamentare, infatti, il sottosegretario all’Economia e Finanze Alessandra Sartore ha spiegato che “l’aspetto fiscale viene separato da quello sulla regolarità edilizia”.

L’aver ottenuto il Superbonus 110% però non pregiudicherebbe i controlli che sono effettuati dalle amministrazioni comunali, così come non solleverebbe il responsabile dalle sanzioni pecuniarie, amministrative e penali. Anche con l’agevolazione, infatti, l’immobile dichiarato abusivo può essere soggetto alla demolizione totale o a quella della sua parte irregolare.

Superbonus 110%, attesa una circolare dell’Agenzia delle Entrate

Per quanto riguarda gli immobili soggetti a irregolarità urbanistiche o edilizie, dalla costruzione in assenza del titolo necessario fino alla presenza di difformità essenziali, sarebbe attesa a breve una circolare dell’Agenzia delle Entrate che chiarirà gli aspetti dell’applicazione del Superbonus 110% agli edifici abusivi.

Il Superbonus 110% consisterà in un’aliquota del 110% di detrazione delle spese sostenute per effettuare questi lavori sulle abitazioni:

  • aumentare l’efficienza a livello energetico;
  • installare impianti fotovoltaici;
  • effettuare interventi antisismici;
  • installare infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici.

La detrazione potrà essere richiesta per tutte le spese a carico del contribuente effettuate e documentate a partire dal 1° luglio 2020 fino al 30 giugno 2022, e sarà ripartita in 5 quote annuali di pari importo.

Potrebbe interessarti