Politica

Caro bollette, approvato in Consiglio dei Ministri il Decreto “Anti-Stangata” per contenere l’aumento

Dal 1 ottobre le bollette di luce e gas sarebbero aumentate rispettivamente del 40% e del 30%. Un impatto economico di grande rilevanza per i cittadini. I dettagli del Decreto
Mario Draghi

È arrivata la risposta del governo al caro bollette, ovvero l’aumento dei prezzi delle forniture di luce e gas. Il Consiglio de Ministri ha deliberato quello che è già stato rinominato “Decreto anti-stangata“, una misura contenitiva del valore di 3 miliardi di euro.

Molte delle indiscrezioni che anticipavano le mosse del governo sono state confermate, il Premier Draghi ha previsto il taglio di alcuni oneri di sistema e non solo; tutti i dettagli.

Caro bollette: arriva il Decreto anti-stangata

È arrivata la risposta del governo all’aumento dei costi di consumo di luce e gas in bolletta previsti a partire dal 1 ottobre prossimo.

Il Presidente del Consiglio Draghi aveva già anticipato che il governo avrebbe agito il più velocemente possibile per evitare che gli aumenti pesassero ulteriormente sui costi dei cittadini, soprattutto quelli già debilitati da due danni di crisi dettati dalla pandemia. Molte delle misure erano già state anticipate negli ultimi giorni, come ad esempio la cifra che il governo avrebbe deciso di investire per arginare i costi: 3miliardi di euro.

Ora il Decreto Anti-Stangata è arrivato, il Consiglio dei Ministri ha deliberato immediatamente dopo l’inizio della riunione, in poco meno di 30 minuti.

Come funziona il Decreto anti-stangata

Come riferisce il Corriere della Sera, il Decreto anti-stangata per arginare l’aumento dei costi in bolletta prevede:

  • Due miliardi destinati a tagliare gli oneri di sistema
  • 450milioni sono le risorse per il bonus sociale alle famiglie più deboli
  • L’abbassamento dell’Iva al 5% sulle forniture di gas per usi civili e industriali
  • Il mancato introito sarà parzialmente compensato con l’utilizzo di una parte di circa 700milioni dei proventi delle aste delle quote di emissione di CO2
  • Sarà previsto il trasferimento alla Cassa per i servizi energetici e ambientali di risorse ulteriori pari a 500milioni entro il 15 dicembre 2021
  • Sempre entro il 15 dicembre 2021 saranno invece annullate le aliquote relative agli oneri generali di sistema applicate alle utenze domestiche e a quelle non domestiche in bassa tensione, altri usi (potenza fino a 16,5kw)

Grazie al Decreto anti-stangata 3milioni di persone trarranno beneficio, soprattutto quelle famiglie che già beneficiano del bonus energia. Senza l’intervento del governo i costi sarebbero saliti al 40% per la luce e al 30% per il gas.

Potrebbe interessarti