TV e Spettacolo

Francesca Neri e la malattia, la moglie di Claudio Amendola confessa: “Ho accarezzato l’idea del suicidio”

Francesca Neri ha raccontato in un libro la sua battaglia contro la cistite interstiziale. E, in un'intima intervista, si è lasciata andare ad importanti confessioni
claudio-amendola-francesca-neri-malattia

Francesca Neri si è messa a nudo in un libro dal titolo Come carne viva, in cui ha raccontato la sua battaglia contro un duro male. L’attrice e moglie di Claudio Amendola soffre di cistite interstiziale, una malattia cronica della quale rivela: “Non ne sono fuori, non si guarisce: impari a gestirla“. Il suo è un racconto intimo di un periodo di dolore, come rivelato in un’intervista al Corriere della Sera.

Francesca Neri a cuore aperto sulla sua malattia

Francesca Neri ha rivelato di soffrire di una malattia cronica, la cistite interstiziale, che l’ha costretta ad abbandonare ogni impegno professionale e a ritirarsi dal set nel 2016.

Si tratta di una malattia non infettiva della vescica, una malattia invalidante e dolorosa, dalle cause e dalla terapia incerte. L’attrice e moglie di Claudio Amendola non ha mai parlato pubblicamente del grave dolore fisico che questo male le procura, sino a farlo in un intimo racconto. Un libro, nello specifico, dal titolo Come carne viva.Una mappatura dell’anima. Non è una autobiografia“, ha specificato in un’intima intervista al Corriere della Sera.

L’attrice ha rivelato i dettagli di questa malattia: “È durata tre anni la fase acuta, non ne sono fuori, non si guarisce: impari a gestirla e a non provocarla in modo che non sia invalidante“.

Francesca Neri confessa: “Ho accarezzato l’idea del suicidio

Francesca Neri rivela come questa malattia l’abbia costretta a rivalutare la propria quotidianità e a combattere con tutta se stessa. Claudio Amendola, che proprio in una recente intervista a Verissimo ha parlato della malattia della moglie, è sempre stato al suo fianco. E nei confronti suoi e del figlio Rocco, l’attrice ha manifestato da subito un atteggiamento di protezione: “Volevo essere lasciata sola.

Dovevo proteggere Claudio e Rocco, mio figlio, altrimenti non ce l’avrei fatta nemmeno io, che sono il capofamiglia che si occupa di tutto. Di fatto sono stata via per tre anni, però c’ero, ero lì in casa con loro, ed è la cosa più terribile“.

L’attrice confessa anche di aver pensato al gesto peggiore: “Ho accarezzato l’idea del suicidio“. E aggiunge: “Ho passato mesi a giocare a burraco online di notte. Il mio lockdown è durato tre anni. E quando è arrivato per tutti, con la pandemia, sono stata meglio perché condividevo la situazione degli altri”.

 

Potrebbe interessarti