TV e Spettacolo

Gina Lollobrigida sarà affiancata da un ‘tutore’ di sostegno: la decisione della Cassazione e la replica dell’attrice

La Cassazione ha deciso: Gina Lollobrigida sarà affiancata da un 'tutore' di sostegno. Respinto il ricorso dell'attrice, che commenta con amarezza e dolore la decisione presa nei suoi confronti
Gina Lollobrigida a Domenica In

Gina Lollobrigida sarà affiancata da un ‘tutore’ di sostegno. È quanto è stato deciso dalla Cassazione, che ha respinto il ricorso dell’attrice e accolto la richiesta del figlio Andrea Milko Skofic. Una vicenda giudiziaria così commentata dall’avvocato Filippo Maria Meschini, legale della donna: “La signora Lollobrigida è molto amareggiata e non si rassegna a una decisione che ritiene dannosa e profondamente ingiusta“.

Gina Lollobrigida sarà affiancata da un tutore di sostegno: la decisione della Cassazione

È arrivata la decisione della Cassazione circa la possibilità di ottenere per Gina Lollobrigida un ‘tutore’ di sostegno.

L’attrice, 94 anni compiuti lo scorso luglio, dovrà essere affiancata da un ‘tutore’ di sostegno che gestirà i propri beni e tutto quel che concerne le questioni patrimoniali. La Cassazione ha così respinto il ricorso della ‘Lollo’ e accolto la richiesta del figlio, Andrea Milko Skofic. I rapporti tra madre e figlio non sono mai stati idilliaci e potrebbero ulteriormente incrinarsi dopo la richiesta di quest’ultimo, accolta dalla Cassazione, di affidarle un ‘tutore di sostegno’.

Stando alla perizia medica, in Gina Lollobrigida non è stata riscontrata un’infermità mentale ma “un indebolimento della corretta percezione della realtà“. Non solo, anche uno stato di vulnerabilità che rende “possibile l’altrui opera di suggestione“.

Il legale di Gina Lollobrigida: “È amareggiata e non si rassegna

La notizia della decisione della Cassazione è stata accolta negativamente da Gina Lollobrigida. Attraverso il suo legale di fiducia, l’avvocato Filippo Maria Meschini, l’attrice ha fatto sapere di essere “amareggiata e non si rassegna a una decisione che ritiene dannosa e profondamente ingiusta, oltre che lesiva della sua dignità“.

Gina Lollobrigida, stando a quanto riferito dal legale, “è una convinta sostenitrice dei vaccini” e attualmente conduce una vita “tranquilla e riservata“. A riconferma della sua totale e piena adesione alla campagna vaccinale contro il Covid-19 attualmente in corso, la sua decisione di vaccinarsi lo scorso gennaio. L’attrice fu una delle prime a sottoporsi al vaccino, come raccontò a Mara Venier nel corso di un suo intervento durante una puntata di Domenica In.

Potrebbe interessarti