Chi è

Giorgio Parisi, chi è il fisico italiano vincitore del Premio Nobel per la fisica: la carriera e i successi

Chi è Giorgio Parisi, vincitore del premio Nobel per la fisica 2021. La carriera del fisico italiano, dalla sua lunga attività di ricercatore sino al recente prestigioso riconoscimento
giorgio-parisi-nobel-fisica

Giorgio Parisi è il vincitore del Premio Nobel per la fisica 2021. Il fisico italiano è stato premiato per il suo prezioso contributo alla “teoria dei sistemi fisici complessi“, come annunciato dal profilo Twitter del Premio. Laureatosi in fisica nel 1970, è stato ricercatore e ha anche lavorato presso la Columbia University, sino a diventare presidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei nel 2018. La carriera del fisico, dai primi studi alla vittoria del Nobel.

Chi è Giorgio Parisi, vincitore del Nobel per la fisica 2021

Giorgio Parisi è il vincitore del Premio Nobel per la fisica 2021.

Il prestigioso riconoscimento è arrivato dopo un lungo percorso di studi e ricerche, attraverso il quale ha prestato tutto il suo impegno e la sua dedizione al mondo della fisica teorica, fisica statistica e non solo. Nato a Roma il 4 agosto del 1948, Parisi si è diplomato al Liceo scientifico nel 1966 per poi conseguire la Laurea in fisica all’Università La Sapienza di Roma nel 1970. Parisi ha iniziato la sua lunga attività di ricercatore lavorando presso i più importanti istituti: dall’Istituto nazionale di fisica nucleare sino alla sua attività presso la Columbia University.

È anche l’unico fisico italiano membro della National Academy of Sciences degli USA.

Nel 1981 diventa professore universitario occupando la cattedra di fisica teorica all’Università Tor Vergata, per poi passare nel 1992 alla Sapienza. Importante la sua elezione in qualità di Presidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei nel 2018.

Giorgio Parisi e il suo contributo alla “teoria dei sistemi complessi”

Giorgio Parisi ha così ottenuto il Premio Nobel per la fisica 2021. Il fisico italiano ha condiviso questo prestigioso traguardo con il giapponese Syukuro Manabe e il tedesco Klaus Hasselmann, anch’essi premiati per il loro importante contributo alla fisica.

Parisi, come si legge dal profilo Twitter del Premio Nobel, è stato premiato per aver “scoperto l’interazione tra il disordine e le fluttuazioni nei sistemi fisici dalla scala atomica a quella planetaria“. Prezioso il suo contributo alla “teoria dei sistemi fisici complessi“, così come quello dei due colleghi, che hanno ottenuto questo riconoscimento per la “modellazione fisica del clima della Terra, quantificando la variabilità e prevedendo in modo affidabile il riscaldamento globale“.

Sono felice, non me lo aspettavo, ma sapevo che avrebbero potuto esserci delle possibilità” le prime parole di Giorgio Parisi in collegamento con l’Accademia dei Nobel.

Potrebbe interessarti