Politica

Green Pass e tamponi: arriva la proposta delle Regioni in vista dell’obbligo per tutti i lavoratori

Il 15 ottobre porterà con sé l'obbligo di Green Pass per l'accesso a tutti i luoghi di lavoro. Le Regioni lanciano la loro proposta per consentire a tutti i lavoratori l'accesso al certificato verde
green pass la proposta delle regioni

Il 15 ottobre è la data fissata per l’entrata in vigore dell’obbligo di Green Pass per accedere ai luoghi di lavoro. Le Regioni ipotizzano una possibile corsa ai tamponi e alle vaccinazioni, pertanto hanno presentato una richiesta per limitare il rischio di congestionamento.

Green Pass: la proposta delle Regioni in vista dell’obbligo per i lavoratori

La questione relativa al Green Pass potrebbe essere affrontata già mercoledì 13 ottobre nel corso della Conferenza delle Regioni.

La richiesta infatti riguarda la riorganizzazione del sistema di rilascio del certificato verde, dopo aver effettuato i tamponi, e l’estensione della sua validità.

La questione è stata sollevata da Luca Zaia, governatore della Regione Veneto, secondo cui “Sarà un caos perché non saremo in grado di offrire ai non vaccinati un tampone ogni 48 ore“, come ha spiegato a Repubblica. Massimiliano Fedriga, presidente della Conferenza delle Regioni, ha ribadito l’appello chiedendo di allungare a 72 ore i tempi di validità di tutti i tamponi, sia quelli rapidi sia quelli molecolari. Al momento, infatti, il tampone rapido è valido per 48 ore.

Corsa ai tamponi, i dati alla base della richiesta delle Regioni

Tra le soluzioni proposte vi è anche quella di permettere alle imprese di organizzare in autonomia l’esecuzione dei test, tramite anche il supporto delle farmacie. Repubblica stima in 500.000 tamponi al giorno la capacità teorica massima, includendo i laboratori e le 85.000 farmacie aderenti su tutto il territorio nazionale. Pochi giorni fa si è sfiorata la cifra di 350.000 tamponi effettuati in 24 ore, uno dei picchi più alti raggiunti negli ultimi mesi: il record si è registrato tra marzo e maggio 2021 con 380.000 tamponi processati.

In base agli ultimi dati, Repubblica sottolinea come siano circa 2.000.000 i tamponi processati ogni settimana, circa 150.000-350.000 ogni giorno. Oltre i 2/3 dei tamponi effettuati è di tipo rapido, dunque con validità pari a 48 ore, a causa del prezzo ridotto e calmierato dal Governo. Da qui deriverebbe la principale proposta di portarne la validità a 72 ore per dare maggior respiro alle Regioni.

Approfondisci

Green Pass, cosa succederà ai lavoratori sprovvisti di certificazione: pubblicato il Decreto

Green Pass e test salivari: cosa dice il nuovo emendamento sul certificato verde e come funzionano i tamponi

Potrebbe interessarti