Cronaca Italia

Monopattini, smartphone alla guida e parcheggi: le nuove regole del Codice della Strada in vigore da oggi

Le nuove regole del Codice della Strada riguardano doversi ambiti, dalla regolamentazione dei monopattini e dei dispositivi tecnologici alla guida, fino alle patenti. Quali sono le principali novità
nuovo codice della strada smartphone e monopattini

Da oggi, mercoledì 10 novembre 2021, entrano in vigore molte novità relative al Codice della Strada. Le modifiche sono state approvate in Senato il 4 novembre e diverranno operative già nella giornata di oggi. Tra i vari ambiti coinvolti ci sono l’uso di smartphone alla guida, regole per i monopattini e i parcheggi.

Nuovo Codice della Strada, la stretta sugli smartphone alla guida e le regole per i monopattini

Da oggi, mentre si è alla guida di un veicolo è vietato l’uso di dispositivi tecnologici se non in modalità con vivavoce.

Il divieto ora comprende: smartphone, tablet, computer portatili, notebook e dispositivi analoghi, in pratica tutti quegli strumenti che “comportino anche solo temporaneamente l’allontanamento delle mani dal volante”. Per chi non osserva tale divieto sono previste sanzioni.

Per quanto riguarda i monopattini, le novità introdotte ne riducono il limite massimo di velocità da 25 km/h a 20 km/h. Nelle aree pedonali tale limite è di 6 km/h. Inoltre, alla guida di un monopattino è obbligatorio l’uso delle frecce per segnalare l’intenzione di svoltare e cambiare traiettoria, così come l’assicurazione dei monopattini a noleggio.

I monopattini non potranno circolare o essere parcheggiati sui marciapiedi, con l’eccezione di apposite aree individuate dai Comuni. Al termine di ogni noleggio, gli operatori dovranno richiedere obbligatoriamente una prova fotografica per desumere la posizione del mezzo. Scattano obblighi anche per segnalatori acustici, regolatori di velocità e, di notte, luci di posizione e giubbotto catarifrangente. Per i monopattini con motore manomesso è prevista la confisca del mezzo.

Novità per le patenti e i neopatentati, nuove regole per le due ruote

Cambiano anche alcune regole per il conseguimento della patente B.

La validità del foglio rosa è stata estesa da 6 mesi a 12 mesi e, per quanto riguarda l’esame di guida, questo potrà essere ripetuto fino a 3 volte in caso di bocciatura. Il nuovo Codice della Strada ora prevede il fermo amministrativo dei veicolo per 3 mesi e sanzioni dai 430€ ai 1.731€ per chi guida senza patente o foglio rosa senza un istruttore a fianco. Per i neopatentati è ora possibile guidare autoveicoli da 55 a 95 cavalli se sono affiancati da una persona che abbia non più di 65 anni di età e sia in possesso della patente B da almeno 10 anni.

Per chi ha meno di 35 anni e intende lavorare nel settore dell’autotrasporto, è stato predisposto un bonus patente del valore massimo di 1.000€, che possa coprire non più del 50% delle spese per il conseguimento della patente.

Per chi guida sulle due ruote è stato mantenuto l’obbligo di indossare il casco, sia per i guidatori sia per i passeggeri. Da oggi, però, sono previste multe per chi trasporta un passeggero di qualsiasi età che sia sprovvisto di casco: finora la multa era stata prevista solo in caso di un passeggero minorenne.

Codice della Strada, nuove regole per i parcheggi e multe più salate

Il nuovo Codice della Strada prevede novità anche per i parcheggi. Chi lascia il proprio veicolo nei parcheggi destinati ai disabili riceverà sanzioni più elevate, che vanno dai 168€ ai 672€, e vedrà decurtati 6 punti sulla patente, a fronte degli attuali 2 punti. I disabili, a partire dal 1° gennaio 2022, potranno inoltre usufruire gratuitamente degli spazi delimitati da strisce blu qualora i posti a loro riservati risultino occupati. In città, infine, saranno introdotti i parcheggi rosa che già compaiono in alcuni centri commerciali per le donne in gravidanza e famiglie con figli fino a 2 anni di età.

La sosta delle auto elettriche, nelle apposite zone dotate di colonne di ricarica, non potrà durare più del tempo necessario al rifornimento elettrico, dunque non più di 60 minuti. La sosta prolungata è però consentita tra le 23 e le 7.

Nuove regole per le strisce pedonali e gli autobus inquinanti

Nuove regole anche per gli attraversamenti pedonali contrassegnati dalle apposite strisce: i pedoni hanno la precedenza, dunque ora gli automobilisti dovranno consentire l’attraversamento sia ai pedoni già sulle strisce sia a quelli che sono in attesa sul marciapiede.

Occorrerà rispettare le regole anche in prossimità dei passaggi a livello, dove è prevista l’installazione di telecamere e dispositivi per individuare chi infrange il divieto di attraversamento.

Dal 30 giugno 2022, gli autobus di categoria M2 e M3 (destinati al trasporto di persone con più di 8 posti compreso il conducente) che siano Euro 1 non potranno più circolare. Il divieto si estenderà agli Euro 2 dal 1° gennaio 2023 e agli Euro 3 dal 1° gennaio 2024. Lo Stato starebbe predisponendo fondi pari a 5.000.000€ per il rinnovo del parco bus nel 2022 e 7.000.000€ per il triennio 2023-2025.

Nuovo Codice della Strada, multe per chi getta rifiuti e addio pubblicità discriminatorie

Chi getta in strada oggetti o rifiuti sarà oggetto di multe da 216€ a 866€ se il veicolo è fermo, e da 56€ a 204€ se il veicolo è in movimento.

Il nuovo Codice della Strada prevede inoltre che gli Enti Locali debbano pubblicare entro il 30 giugno di ogni anno una relazione sugli incassi delle multe e sulle modalità di utilizzo di tali proventi.

Con il DL Infrastrutture e Trasporti sono inoltre state vietate le pubblicità sessiste o violente e i “messaggi lesivi del rispetto delle libertà individuali, dei diritti civili e politici, del credo religioso o dell’appartenenza etnica oppure discriminatori con riferimento all’orientamento sessuale, all’identità di genere o alle abilità fisiche e psichiche“.

Potrebbe interessarti