Vai al contenuto

La vera storia della Uno Bianca: il nuovo documentario del ciclo Crime Doc in onda su Rai2

Pubblicato: 29/11/2021 17:33

Lunedì 29 novembre 2021 va in onda su Rai2 il secondo appuntamento con il ciclo Crime Doc firmato Rai Documentari e mostrerà al pubblico un approfondimento sul caso di cronaca che imperversò tra l’Emilia Romagna e le Marche in una serie di rapine e omicidi che ha insanguinato il nostro Paese dal 1987 al 1994. L’interessante documentario dal titolo La vera storia della Uno Bianca, per una coproduzione Rai Documentari e Verve Media Company, viene trasmesso alle ore 21:20 sul secondo canale della televisione pubblica.

La vera storia della Uno Bianca: quello che c’è da sapere sul nuovo documentario del ciclo Crime Doc

Al centro del documentario in onda su Rai2 ci finisce uno dei casi di cronaca più cupi e dolorosi del nostro Paese che mise in ginocchio buona parte dell’Emilia Romagna e delle Marche per sette lunghi anni. La vera storia della Uno Bianca va in onda oggi lunedì 29 novembre 2021 a partire dalle ore 21:20 con il racconto di come furono scoperti gli esecutori di quei ventiquattro omicidi e degli oltre cento feriti, scoprendo l’amara verità che chi aveva commesso quegli atroci fatti portasse proprio la divisa.

Il pubblico ripercorrerà anche le fasi giudiziarie con indagini compiute da due poliziotti della Questura di Rimini, Luciano Baglioni e Pietro Costanza, insieme al giudice Daniele Paci, che misero al tappeto le scorribande sanguinose di questa associazione criminale che portò alla condanna di tutti i colpevoli.

La vera storia della Uno Bianca: quello che vedremo su Rai2

Il secondo appuntamento con il ciclo Crime Doc propone al pubblico le tappe dell’intero percorso criminale della banda rimasta celebre per il modello di macchina da loro rubato per mettere a segno i loro colpi. La banda della Uno bianca ha potuto agire in maniera del tutto insospettabile grazie agli agganci dei 5 membri della banda che indossavano la divisa e che facilitarono la strada verso i colpi ai caselli autostradali, ai supermercati, alle banche ed anche ai rifornitori di benzina oltre agli uffici postali.

Tra le tante testimonianze che il pubblico si troverà davanti, oltre a chi condusse le indagini come Baglioni e Costanza, anche le parole di chi è sopravvissuto agli attacchi della banda. Un appuntamento imperdibile per gli amanti del genere e tutte coloro i quali ne volessero sapere di più su questa sanguinosa banda.

Continua a leggere su TheSocialPost.it