Sostenibilità

Stop allo spinnamento degli squali negli Stati Uniti: un nuovo provvedimento approvato dal Senato

Il Senato degli Stati Uniti ha approvato lo Shark Fin Sales Elimination Act, rendendo illegale la vendita di pinne di squalo. La notizia segna un fondamentale cambiamento.
Stop allo spinnamento degli squali negli Stati Uniti: un nuovo provvedimento approvato dal Senato

Lo scorso 8 giugno, il Senato degli Stati Uniti ha approvato all’interno dello U.S. Innovation and competition act, un nuovo provvedimento – lo Shark Fin Sales Elimination Act – che prevede il divieto di commercializzazione di pinne di squalo e prodotti che le contengano. Ora si aspetta l’approdo alla Camera e la firma del Presidente Joe Biden, che ha anche supportato la causa.

Pinne di squalo: perché fermarne il commercio

Grazie al provvedimento emerso negli Stati Uniti sarà presto illegale vendere pinne di squalo. Le pinne sono la parte più pregiata dello squalo e sono, purtroppo, al centro di un mercato fiorente.

Inoltre, spesso le pinne sono ottenute attraverso pratiche che non rispettano l’ecosistema marino. Gli squali, infatti, vengono pescati, spinnati e poi ributtati in mare. Gli Stati Uniti non saranno i primi a rendere illegale questa pratica di spinnamento. Infatti, attualmente è già illegale in diversi paesi, fra cui Australia, Canada, Taiwan e Nuova Zelanda. È, invece, ancora permesso in Cina e Malesia.

Squali a rischio di estinzione: stop allo spinnamento

A causa dell’orribile pratica dello spinnamento e della pesca intensiva, molte specie di squali si stanno avvicinando al rischio di estinzione.

Per questo motivo lo Shark Fin Sales Elimination Act è fondamentale ai fini della protezione della fauna marina, attraverso anche la promozione di pratiche di pesca sostenibili. Negli ultimi 50 anni, infatti, la popolazione degli squali è diminuita a livello mondiale del 70%.

La nuova legge emessa dagli Stati Uniti, vieta la commercializzazione delle pinne di squalo e di tutti i prodotti derivati da esse. Il Congresso statunitense spiega che le persone necessitano di licenze o permessi specifici per poter possedere le pinne di squalo.

Le violazioni della legge saranno multate con una sanzione pari a 100mila dollari o il corrispondente valore di mercato della pinna di squalo.

Lo spinnamento degli squali è un problema mondiale

Secondo GreenPeace, lo spinnamento e la pesca intensiva in tutto il mondo provocano la morte di circa 100 milioni di squali l’anno e creano un mercato di un miliardo di dollari. Nell’Unione Europea la pratica è stata dichiarata illegale nel 2003, ma di fatto sono esistite per lungo tempo varie eccezioni che non la vietavano totalmente. Nel 2013 è stata inserita una norma più restrittiva, secondo cui gli squali pescati devono uscire dal peschereccio con ancora tutte le pinne.

Potrebbe interessarti