Cronaca

Super Green Pass, spunta l’ipotesi di proroga per i vaccinati con tre dosi: quali sono le proposte

Chi ha ricevuto tre dosi di vaccino anti-Covid potrebbe essere interessato da nuove regole relative al Green Pass. Il Governo sta infatti studiando se procedere a eventuali proroghe.
Super Green Pass, spunta l'ipotesi di proroga per i vaccinati con tre dosi: quali sono le proposte

In base alle regole attuali, la durata del Super Green Pass sarà pari a 6 mesi a partire dal 1° febbraio. Questa regola al momento è valida anche per la certificazione che si ottiene dopo aver ricevuto la terza dose, ma l’esecutivo potrebbe prendere in considerazione una soluzione diversa. Ecco quali sono le ipotesi.

Super Green Pass, cosa potrebbe cambiare per i vaccinati con 3 dosi

La prima novità relativa alla validità del Super Green Pass si era registrata il 15 dicembre 2021, con una prima riduzione della durata da 12 a 9 mesi. Dal 1° febbraio sarà infine portata da 9 a 6 mesi, ma questo cambiamento potrebbe non riguardare i soggetti che hanno ricevuto la somministrazione della terza dose “booster”.

La campagna vaccinale per le terze dosi è iniziata a metà settembre, perciò a metà marzo sono attese le prime scadenze dei Green Pass “booster”. Cosa potrebbe succedere, considerando che al momento non si parla ancora di una quarta dose?

Le ipotesi per i Green Pass dei vaccinati con 3 dosi

Secondo Franco Locatelli, coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico, questo nodo potrebbe essere affrontato nei prossimi giorni. In particolare, come ha spiegato nel corso di un’intervista a e-Venti su Sky TG24, “una maggiore durata del certificato potrebbe a breve essere discussa”.

Una delle ipotesi in fase di valutazione potrebbe prevedere un Green Pass senza scadenza per tutti coloro che abbiano ricevuto le 3 dosi di vaccino anti-Covid. I dati più recenti stimano in 30.000.000 le persone che si sono sottoposte alla vaccinazione booster e che sono quindi interessate dalla possibile proroga o eliminazione della scadenza del certificato.

Green Pass, cosa potrebbe cambiare per i viaggiatori e per il settore turistico

All’interno dell’Unione Europea, la durata della certificazione verde è fissata a 9 mesi e non sarebbe prevista una riduzione, come avverrà a breve in Italia.

Le regole sul Green Pass interesseranno anche i viaggi e, di conseguenza, il settore turistico.

Per il momento, tutti i viaggiatori in arrivo dall’estero hanno l’obbligo di sottoporsi a un tampone, anche se sono vaccinati con 3 dosi. In discussione al Consiglio Affari Regionali dell’Unione Europea ci sarebbe la proposta di eliminare l’obbligo di tamponi e quarantena per i viaggiatori che siano guariti dal Covid, che presentino un tampone negativo o che siano immunizzati con la dose booster, a prescindere quindi dalla situazione epidemiologica del loro Stato di origine.

Infine, ai viaggiatori stranieri potrebbe essere riconosciuta la validità del Green Pass anche oltre i 6 mesi previsti dal nostro Paese.

Potrebbe interessarti