Politica

Marcello Pera è fra i candidati del centro-destra al Quirinale per la presidenza della Repubblica

Marcello Pera è uno dei tre candidati del centro-destra al Quirinale per la presidenza della Repubblica. Durante la conferenza in vista della corsa al Colle è stato fatto anche il suo nome.
Marcello Pera è fra i candidati del centro-destra al Quirinale per la presidenza della Repubblica

In questi istanti, Matteo Salvini ha presentato la rosa dei nomi proposti dal centro destra per la corsa al Colle. Il leader della Lega ha spiegato che la sua area di appartenenza politica è compatta sulla proposta di 3 nomi: Marcello Pera, Letizia Moratti e Carlo Nordio. Come sottolineato da Salvini stesso, non si tratta di capi di partito, ma di una terna offerta alla discussione nella speranza che non vi siano “no preventivi”.

Marcello Pera è nella rosa dei nomi per la presidenza della Repubblica: la sua storia

Filosofo, politico, accademico, senatore e Presidente del Senato, questo è il profilo di Marcello Pera, candidato nella corsa alla presidenza della Repubblica.

Nato il 28 gennaio 1943, a Lucca, Pera vanta una lunga carriera accademica in ambito filosofico, preceduta da una formazione di tipo commerciale. Il suo incontro con il mondo politico è avvenuto insieme a Lucio Colletti, con il quale approdò a Forza Italia. Per anni si è occupato di redigere saggi a favore dell’avvicinamento fra politica e religione.

La primissima esperienza in ambito politico, lo ha visto impegnato nelle fila del Partito Socialista italiano, al quale è stato legato negli anni 80 e nei primi anni 90.

Marcello Pera candidato al Colle: l’esperienza come Senatore e Presidente del Senato

Alle elezioni politiche italiane del 1996, Pera è stato candidato al Senato per Forza Italia.

Inizialmente viene sconfitto, ma poi viene ripescato. Nel 1998 è stato nominato vicepresidente del Gruppo di Forza Italia al Senato.

Con Marco Boato fonda la “Convenzione per la giustizia” movimento politico virtuale. In Parlamento si occupa in particolare dei problemi della Giustizia italiana.

Nel corso delle elezioni politiche del 2001, Pera ha vinto il collegio uninominale di Lucca, venendo eletto al primo scrutinio Presidente del Senato della Repubblica.

Si tratta della seconda carica dello stato. La carica è stata nelle sue mani fino al 2006.

Dopo che in passato si è dichiarato apertamente “ateo”, e “non credente”, si è poi avvicinato al pensiero cristiano, facendo sui l’invito di Papa Benedetto XVI a vivere “come se Dio esistesse”.

Potrebbe interessarti