Politica

Settima Votazione per il Presidente della Repubblica alle 9.30, dopo i vertici sfuma l’ipotesi Belloni

Ha inizio alle 9.30 la settima votazione per l'elezione del Presidente della Repubblica. In queste ore i vari partiti si sono incontrati per discutere sulle azioni da intraprendere.
"Il mio nome può essere sul tavolo solo se rappresenta un momento di unità e convergenza"

Per le 9.30 di questa mattina è attesa la settima votazione per l’elezione del Presidente della Repubblica. Anche la chiamata al voto di ieri si è conclusa con una fumata nera e ora si attende di scoprire cosa succederà nella prossime ore. I vari partiti si sono già riuniti e dalle prime dichiarazioni rilasciati emergono le preferenze e i possibili nomi proposti.

Settima votazione per la salita al Colle: i vertici di questa mattina

Nel corso di una riunione dalla durata di circa un’ora e mezza, Antonio Tajani, Lorenza Cesa, Maurizio Lupi, Giovanni Toti e Paolo Romani avrebbero individuato una figura sulla quale puntare per la guida della Repubblica.

Come riferisce Tgcom24, si tratterebbe di Pier Ferdinando Casini. Poco dopo le 8, alla Camera si è riunita l’assemblea dei grandi elettori del Pd, in attesa della settima votazione prevista per le 9.30.

Arrivato a Montecitorio alle 8.30, Antonio Tajani ha preso parte al vertice tra i leader di maggioranza con Matteo Salvini, Enrico Letta, Giuseppe Conte e Matteo Renzi. Il M5S avrebbe indicato ai propri elettori di scegliere l’astensione o la scheda bianca. Forza Italia avrebbe a sua volta deciso di astenersi per la settima votazione. Salvini avrebbe inoltre ammesso di avere in serbo ancora un nome femminile, ma di voler evitare di esprimersi, temendo che anche questa volta venga “bruciato”.

Belloni Presidente della Repubblica: Italia viva non approva

Anche nella giornata di ieri si è molto parlato della possibilità che Elisabetta Belloni venga scelta come Presidente della Repubblica. A puntare sul suo nome, sarebbero stati in particolar modo Salvini e Conte. Per Matteo Renzi però la proposta non sarebbe adeguata.

Il leader di Italia Viva l’ha infatti definita inaccettabile” e 2una deriva senza precedenti” sul suo profilo Twitter.

Non può fare la Presidente colei che il giorno della votazione è a capo del servizio segreti“ ha dichiarato ieri alla Stampa. Anche la capogruppo di Iv, Maria Elena Boschi ha fatto sapere che quello della Belloni non sarà il nome proposto dal suo partito. Su La Stampa la politica ha invece citato il nome di Pier Ferdinando Casini come possibile nuova guida della Repubblica, escludendo il Mattarella Bis.

“Il mio nome può essere sul tavolo solo se rappresenta un momento di unità e convergenza avrebbe detto in questi istanti proprio Casini, intercettato dall’Ansa all’uscita di casa.

Potrebbe interessarti